Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

20 Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Paolo Passaretta

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Io sono una persona normalissima come tutte le altre ma dal secondo anno di studio all'università ho cominciato a vedere le cose sbagliate e le contraddizioni che caratterizzano la nostra società: le bugie che vengono dette ai ragazzi che studiano. Tanto più vedevo le ingiustizie e le falsità ,tanto più ero sgradevole agli altri quando ne parlavo con loro. Andavo contro corrente e infastidivo gli altri. La mia vita è stato tutta così.
Però vedendo le tragedie famigliari mi sono sempre chiesto come poterle evitare e come risolvere i problemi della nostra società, di ogni tipo, anche economici visto che sono un dottore in economia e commercio. Il mio andare contro corrente si è ispirato molto al film "Guerre stellari" del regista George Lucas perché ho seguito e ho fatto quello che sentivo dentro me stesso, dentro la mia anima. Quando invece seguivo e facevo quello che mi dicevano gli altri di fare, parenti compresi, mi trovavo male e non ero soddisfatto. Ho scritto questo libro perché voglio vedere il sorriso sulla faccia della gente, perché voglio migliorare la nostra società .La mia riforma universitaria accelererà anche lo sviluppo divino dell'uomo e lo aiuterà a tirare fuori la sua anima, la sua parte inimica.

 

2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Attualmente non sto scrivendo nulla ma ho in mente di fare un libro dove si parlerà degli alieni e degli ostacoli che essi ci creano per impedirci di sviluppare le nostre potenzialità divine. Gli alieni ci hanno creato con un innesto genetico e sono anche la causa delle nostre problematiche economiche, mediche e sociali. Si parlerà anche delle soluzioni per liberarci di loro.


 

3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Corrado Malanga.


 

4. Perché è nata la sua opera?
Perché non mi piace vedere la sofferenza sulla faccia delle persone e poi mi infastidisco molto anche quando alcune ingiustizie vengono commesse nei miei confronti. Sono un tipo vendicativo e quando vengo preso per i fondelli me lo ricordo anche a distanza di vent'anni. Però attualmente mi piace vivere una vita tranquilla e raramente mi vendico ma per la riforma universitaria dovevo farlo. Essa è troppo importante. Un'altra ragione che mi ha spinto a pubblicare il mio libro è quella di poter guadagnare del denaro.


 

5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Ha influito molto perché la città di Roma non e' ben organizzata. Ci sono molte difficoltà e viverci è molto difficile per un ragazzo. C'è difficoltà a trovare un lavoro, ad ottenere dei permessi, a trovare medici preparati, ecc.. Devo ammettere che queste difficoltà mi hanno fatto arrabbiare e quindi mi hanno indotto a scrivere il mio libro.


 

6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
E' un modo per raccontare la realtà al fine di risolvere i problemi. Io scrivo per vedere tutti felici.


 

7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Tanto, direi quasi tutto.


 

8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Si, il dott. Raffaele Rinaldi, che io conosco fin da quando frequentavamo insieme le scuole medie, è riuscito con una semplice domanda composta da tre parole a farmi decidere di pubblicare il mio libro. La domanda che mi ha fatto è stata questa: "Ma il libro?". Io e Raffaele siamo cresciuti insieme, anche quando abbiamo avuto dei diverbi, e ci capiamo molto bene. Questa domanda detta da lui, con il suo tono, significava per me tante cose. Il dott. Rinaldi è stato l'unico che, insieme a mia madre, ha letto il manoscritto del mio libro dieci o quindici anni fa. Lui è stato una persona importante e l'unico che, a suo modo, mi ha spronato a pubblicarlo.


 

9. A chi ha fatto leggere per primo il libro?
Alla mamma.


 

10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Si, è molto probabile. Io amo i miei libri, li conservo e non li presto a nessuno perché non tornano mai indietro. L'e-book è molto pratico e risolve il problema dello spazio dove mettere i libri in casa. Esso presenta anche altri vantaggi. Io, a casa mia, non ho più lo spazio dove mettere i libri. I prossimi libri che leggerò saranno ebooks.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Non ne ho mai ascoltato uno. Forse l'audiolibro potrebbe indebolire la capacità di lettura delle persone ma offre molti vantaggi nella facilità di utilizzo del libro superiori a quelli dell'ebook. Un attore o lo scrittore stesso del libro possono, attraverso la lettura dell'audiolibro, esprimere le loro emozioni e rendere il libro più pienamente comprensibile e appassionante per l'ascoltatore. L'audiolibro potrebbe superare anche l'ebook, è possibile che ciò avvenga anche perché non si sottopongono gli occhi allo sforzo della lettura degli ebooks.


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 20 Marzo 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)