Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Aldo Galaverna

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nato in una piccola città e sono cresciuto in molti luoghi. Da oltre dieci anni vivo e lavoro a Milano. Mi dedico alla scrittura da molto tempo, ma non mi sento affatto uno scrittore.


 

2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Appena posso prendo appunti su ciò che mi colpisce o su ciò che suscita il mio interesse. Il momento vero e proprio della scrittura occupa però solo le mie serate, quando nella casa c’è quiete e le mie bambine dormono.


 

3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Amo diversi autori anche di diversi generi, ma dovendone sceglierne uno non posso che propendere per Andrea Camilleri.


 

4. Perché è nata la sua opera?
Il mio racconto è frutto di molti spunti e quindi non ha un’unica origine: è costellato di tante piccole tematiche, grandi e piccole, tutte per me importanti.


 

5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
La mia formazione letteraria è frutto delle mie letture più che del mio percorso di studi. Se penso al contesto sociale nel quale sono vissuto, posso dire che si tratta di un panorama ricco di suggerimenti per le mie storie.


 

6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Direi entrambe le cose. Evasione perché si tratta di entrare in uno spazio-tempo che appartiene solo a me. Certamente, poi, la scrittura mi consente di raccontare la realtà, in quei frammenti che ritengo importanti.


 

7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Molto e molto poco. Tanti temi sono a me cari, ma tanta violenza certamente mi disgusta.


 

8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Mia moglie che, con sguardo terzo, è stata la mia prima critica.


 

9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Come ho detto sopra, mia moglie.


 

10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Penso che la scrittura e il suo supporto siano due cose diverse. La scrittura avrà futuro o non l’avrà, indipendentemente dal fatto che venga pubblicato su carta o in formato digitale.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Io rimango affezionato al libro di carta, non all’e-book; dico questo riallacciandomi alla domanda precedente. Per quanto mi riguarda non
sono interessato all’audio libro, ma penso che possa considerarsi un valido strumento per chi non ha la possibilità di leggere lo scritto.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 06 Marzo 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)