Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Luca Pronesti

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono un ragazzo di Orvieto, piccola cittadina del centro Italia. Mi occupo di contabilità e altro in un negozio di informatica. La passione per la scrittura c'è sempre stata, seppur in maniera meno accentuata rispetto ad ora.

Qualche anno fa, insieme al mio inseparabile amico d'infanzia, abbiamo deciso di mettere nero su bianco le nostre idee che da sempre girovagavano nella nostra mente. Ed eccoci qua!

 

2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Sempre la sera, il momento in cui riesco a concretizzare tutte le idee che sorgono nel corso della giornata. Un bel bicchiere di vino rosso e... via!


 


3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Senza dubbio Joe Abercrombie, grandissimo autore che mi ha catturato più di ogni altro; anche a confronto con altri mostri sacri del genere fantasy.


 

4. Perché è nata la sua opera?
Una sfida. Con se stessi, con gli altri, con il mondo. Una sfida che ho portato avanti e che spero si protragga nel futuro!


 

5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Moltissimo. Tutte le esperienze che si vivono giorno per giorno, brutte o belle che siano, fanno parte del nostro piccolo bagaglio che ci portiamo tutti dietro.

Questo bagaglio è ciò che ha influenzato la mia scrittura.

 

6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Un evasione della realtà, senza dubbio. Raccontare la realtà a volte fa male; viviamo in un mondo che ti disarciona alla prima possibilità e tutti abbiamo bisogno di evadere dalla realtà che ci circonda.


 

7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
il 100%. Questo libro è come un figlio per me. Ci ho messo tutte le energie e le forze; anche se non è stato mai facile.


 

8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Tanti nomi. Persone che non ci sono più, altre che fanno parte della mia vita e che mi stanno accanto giorno dopo giorno.

Gli stessi ricordi di persone amate sono stati fondamentali.

 

9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Beh ho provato a farlo leggere a mia moglie, ma lo ha perso!

Il mio primissimo lettore è stato il mio piccolo amico Giordano!

 

10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
No. Anche se la spinta tecnologica si farà sempre più avanti. Il libro cartaceo non morirà mai. Perché se questo dovesse accadere, vorrà dire che morirà una parte di noi.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Interessante, molto utile per chi viaggia e non ha tempo e/o modo di sfogliare un bel libro. Interessanti alcune trovate con cui vengono narrati molti ebook.


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)