Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

04 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Fernando Savorana

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?
Nato nella città di Macchiavelli, cresciuto nella città di Manzoni ove mi laurei in economia e commercio.


 

2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Tom Sawyer.


 

3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
tutto il bene possibile perché significa sgravare il lettore da quello che può essere un "peso notevole" e fastidioso da portarsi dietro.


 

4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
No, è un modo per riordinare le idee, senza sognare, scriverle comporta il doverle pian pianino rileggerle e riordinarle, possibilmente formando un libro


 

5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
Matteo Renzi nel dicembre 2014 sollecitò la fantasia di un giornalista che scrisse un articolo sul Corsera. Questo stuzzicò la mia fantasia e piombai in un mondo che gli italiani o si son dimenticati o ignorano del tutto. L'illuminismo ci aveva fornito idee cadute nel dimenticatoio, sono andato a ricercarle...


 

6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Battere il ferro finché è caldo, intervenire sulla costituzione applicando idee del Filangeri, anziché il pietoso moralismo del Beccaria


 

7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Da piccolo organizzai il giornale della scuola su cui scrivevo, dopo la laurea che sfociò in un libro pubblicato dalla GdF per l'accademia degli ufficiali, interruppi qualsiasi scrittura, che ripresi nel 2001 con articoli su giornali specializzati sull'economia e l'ambiente, per poi sfociare in un libro a più mani, per la provincia di Trento, cui, nel 2007 seguì un libro stampato da Flaccovio, in materia di ESCO, quindi specifico sull'economia e l'ambiente: uno nel 2015 circa situazioni incresciose del diritto e buon ultimo la sintesi dei precedenti nel libercolo sui mercenari e sui proprietari, un "urlo" disperato contro il pantano in cui gli "ismi" dell'ultimo secolo ci hanno bloccato.


 

8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Non un episodo, ma gli ultimi mesi di vita di mio padre che, a 93 anni, aveva ancora una mente lucida e brillante.


 

9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
Certo che l'ho pensato, ma la forza che mi dava "vecchia romagna" (così chiamavo mio padre") mi ha mantenuto sul "pezzo".


 

10. Il suo autore del passato preferito?
Shakespeare.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Molto, se non tutto, dipende dalla voce narrante. E' una evoluzione dell'ebook.


 

 

 

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)