Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

04 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Ignis Master

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
In questo caso è stato più uno sfogo, che la creazione di un opera omnia, e fin dal primo momento che parola dopo parola il componimento prendeva vita, emozioni e passioni sopite mi ritornavano in mente. La trama vuoi per un motivo o per l’altro, non segue un filo logico ma un insieme di emozioni che mi hanno permesso in questi anni di andare avanti. Effimeri successi e sconfitte che rileggendo il testo ancora oggi mi provocano momenti di dolore e commozione tanto da farmi sentire ancora vivo.


 

2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
A volte capita che sia la forza della disperazione a darci la forza per andare avanti, o la conquista di un successo, tutto e reale o frutto di un modesto periodo fortunato, come a volte è soltanto il destino che comunque ci domina e controlla…


 

3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Un momento di confessione, la ricerca del io in me stesso, la riscoperta di sensazioni e sentimenti.


 

4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
Il titolo nasce dal fatto che quando cerchiamo un lavoro, ci proponiamo con le nostre conquiste fino a quel momento raggiunte. Curriculum Vitae in questo caso non è altro che rivedere i miei passi a partire da una certa data, cercando di capire chi sono, a che punto sono arrivato e dove voglio andare, tante domande e nessuna risposta… Dopo aver stabilito cosa volevo scrivere il titolo e venuto spontaneo.


 

5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Magari fosse vero di poter stare su di un isola deserta, l’unico libro che potrebbe farmi comodo sarebbe un manuale di sopravvivenza, ma non strettamente necessario….


 

6. Ebook o cartaceo?
Per puro romanticismo preferisco il cartaceo lo trovo più personale, ma non so commercialmente quale sia più valido.


 

7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Nella mia vita ho fatto di tutto, ora ho scritto un libro, ma non so se ciò porterà ad un seguito staremo a vedere sono fiducioso, comunque ho già altre idee in mente che se troverò terreno fertile potrebbero dare altri frutti, mai arrendersi.


 

8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Nel periodo antecedente la scrittura del libro, sono stato preso in carico da una psichiatra prima e una psicologa poi, nel contempo per permettere alla psicologa di poter valutare se avessi qualche problema celato, mi ha chiesto di scrivere quello che ritenevo importante per me. Non avevo la ben che più pallida idea di quello che dovevo fare. Lo spunto me la dato la tesi d’esame di una mia amica, che narrava le gesta di un naufrago che approdando su di un isola deserta doveva comunque sopravvivere. Se dovessi andare all’isola dei famosi io sono convinto che ingrasserei.


 

9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Quando ho ricevuto la mia copia gratuita inviatami dall’editore mi sono sentito commosso e orgoglioso, avevo creato dal nulla un qualcosa che era bello, la prossima volta sarà perfetto.


 

10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
La psichiatra la psicologa e la mia amica, le tre persone che mi anno spinto a scrivere.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Risposta : non sono molto efferato in materia, la letteratura non mi ha mai ispirato e penso che sia materia di pochi con un certo grado di cultura. Non tutti sono in grado di capirla e apprezzarla. Io sono per tutto ciò che può essere tecnologico, ma pratico, audio libro per me fa perdere il fatto del fascino di chi se lo legge ma se serve per leggere e non ti fa perdere il significato di chi scrive “ben venga”.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)