Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

04 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Maria Cristina Fornaciari

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere è tradurre in parole, dedicate a chi le leggerà, pensieri, emozioni e sentimenti, auspicando portino e lascino loro qualcosa di buono: sorrisi, tenerezza, ilarità, riflessioni eccetera, a seconda dell'argomento trattato.


 

2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
La piccola, vecchia casetta al limitare di un bosco dove abitavo quando ho scritto le favole raccolte nel libro: in quel posto c'era, infatti, un'atmosfera appunto fiabesca.


 

3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Mettere a disposizione di chi lo leggerà quanto da me provato scrivendolo.


 


4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
La scelta è stata semplice ed istintiva.


 

5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Il barone rampante, perché trovo Calvino semplicemente affascinante.


 

6. Ebook o cartaceo?
Pur riconoscendo la validità e la praticità dell'ebook, personalmente preferisco il libro cartaceo perché mi piace tenere tra le mani le parole già lette e/o ancora da leggere, perché non ha bisogno di pile e/o altre fonti di energia e perché il profumo della carta stampata ha un suo fascino tutto particolare.


 

7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Scrivevo già da adolescente, senza mai pensare di essere uno scrittore di professione, anche se mi sarebbe piaciuto e tutt'ora mi piacerebbe proprio tanto


 

8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Non trattandosi di un romanzo, non ci sono aneddoti: c'è, per ogni favola scritta per e con amore, la voglia di suscitarlo in chi leggerà, insieme con la speranza in qualcosa di buono che certamente prima o poi arriverà, aiutato, appunto dall'amore.


 

9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
E' una sensazione meravigliosa: come scendere al treno, o da un altro mezzo, con la gioia di essere finalmente arrivati.


 

10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
La mia migliore amica, cui facevo leggere ogni favola appena scritta.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
L'audiolibro è molto interessante e piacevole quando si è impossibilitati, per le più svariate ragioni, a leggerne uno cartaceo.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)