Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

28 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Carlo Bramanti

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Scrivere è la mia vita, poter trasmettere quello che anima i miei sogni la ritengo una piccola magia, e al tempo stesso un privilegio. Non è vile apparenza, non è semplice inchiostro sulla carta, ma un'impronta indelebile della propria essenza.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

C'è tanto di me in questo libro, sotto forma di metafora. C'è l'uomo che sono stato e vorrei essere, ci sono anime che ho incontrato in un libro o per strada, e che in qualche modo mi hanno stretto o riempito il cuore.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Oltrepassare la soglia della realtà, superare i suoi limiti, per abbracciare una speranza che abbaglia.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

Il titolo è nato una notte d'inverno, guardando l'impronta della mia mano destra sullo specchio dell'armadio.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Vorrei una raccolta completa di haiku di Basho, per ritrovare me stesso e il gusto di vivere. Per riscoprire i piccoli gesti, la vita come semplice dono.



6. Ebook o cartaceo?

Cartaceo, perché odora di vita...



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Scrivo perché ne sento il bisogno, perché è l'unica cosa che mi fa sentire veramente vivo. È un bisogno, una valvola di sfogo, un rifugio che solo le persone con una particolare sensibilità possono trovare.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Questo libro nasce come seguito de "I tesori dell'Angelo perduto". Uno dei personaggi del libro è ispirato al mio gatto, che spesso mi faceva compagnia mentre scrivevo i vari capitoli. I suoi occhi di smeraldo mi incitavano a continuare...



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

È una sensazione meravigliosa, di gioia e appagamento.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Una sera l'ho letto ad alta voce, sperando che mia madre potesse sentirmi, ovunque lei sia. Spero sia stata lei la prima ad averlo letto.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Credo possa rappresentare il futuro e dar vita a nuove emozioni.



Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)