Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

20 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Berrimo Cele

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Non amo parlare di me, ma tant'è... Sono nato a Roma e sono cresciuto in un quartiere dormitorio, facendo una vita metà da "borghese" e metà da "borgataro". I ricordi migliori della mia infanzia sono i libri e i cartoni animati, e quelli della mia adolescenza sono i libri e i film. Adesso per fortuna ho una vita sociale normale, nonostante la mia passione per i fumetti.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

Consiglierei tanti libri: innanzitutto "Alice in Wonderland", rigorosamente in lingua originale, perché fa capire quanto siano inaffidabili le parole e quanto poco senso permea il nostro mondo di regole, principi e convenzioni sociali. Poi "Lo zio Oswald" di Roald Dahl, una brillante satira sull'imprenditorialismo, la sessualità spicciola e la venerazione dei VIP. Infine il ciclo di Charlie Mortdecai, di Kyril Bonfiglioli, perché è troppo spassoso.



3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Penso che è un processo inevitabile ma non così travolgente come si vuole fai credere. Con i libri elettronici si risparmiano soldi, spazio, carta e si può regolare la grandezza del carattere. Ma il cartaceo, dalla sua, è un'esperienza sensoriale molto più piacevole: prendere un libro in mano, sfogliarlo, stare attenti a mettere il segnalibro, notare lo spessore delle pagine che ancora dobbiamo leggere, passare ore in libreria a spulciare tra i vari titoli, tenere il volume sullo scaffale per spirito di possesso o collezionismo o per fare l'acculturato con gli ospiti... C'è un che di romantico in tutto questo.



4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

Per me è un amore ponderato: è cominciato con calma dopo vari tentativi e procede con alti e bassi verso il costante miglioramento, finché non sarà la consolazione della mia vecchiaia.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

Ero deluso dai miei primi romanzi, perché erano troppo personali e potevano essere interessanti solo per me, oltre a mancare di originalità. Così avevo intenzione di scrivere qualcosa di assolutamente originale, che avesse le carte in regola per poter fare la storia. Qualcosa di stupefacentemente folle. Volevo sbalordire il mondo. Ho voluto puntare al nonsenso e alla satira e ho deciso di portare entrambi ai massimi stadi. Il risultato è stato questo romanzo in cui la logica di causa-effetto che concatena gli eventi viene fatta saltare totalmente, la realtà si fonde con la fantasia e niente ha un perché. Un super-fantasy-satirico-barocco-trash, un bizzarro-fiction.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

Il messaggio che potrebbe inviare al lettore è che niente che ci accade ha senso e che non abbiamo nessun potere sulla realtà, ma, citando Eric Powell, "certe volte una scenetta in cui un semplicione gioca con le sue feci e poi viene fatto fuori è solo una scenetta in cui un semplicione gioca con le sue feci e poi viene fatto fuori".



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Non è mai stata un sogno nel cassetto: già da piccolo amavo leggere e leggevo tantissimo. Potevo passare pomeriggi su un libro. A dieci anni e mezzo ho preso la penna in mano e ho iniziato a stendere il mio primo romanzo. Da lì è stata una crescita continua, in cui alla mia passione per la lettura si è affiancata quella per la scrittura.



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

Nessuno in particolare. Ricordo che ridevo da solo come un idiota mentre lo scrivevo e basta.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

No, mai. Ho creduto fino in fondo in questo progetto e mi divertivo troppo sia a scriverlo sia a pensare alle possibili reazioni dei lettori. Ho avuto più dubbi sulla pubblicazione: volevo trovare l'Editore più adatto per questa patata bollente, un Editore motivato che avesse voluto credere in me e investire nel mio progetto; e per fortuna l'ho trovato.



10. Il suo autore del passato preferito?

Lewis Carroll, senza dubbio. Voleva scrivere un libro per bambini e ha partorito un capolavoro rivoluzionario. Un genio senza saperlo.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Penso che sia più comodo e intimo leggere un libro anziché ascoltarlo, per esempio per potersi soffermare su una frase che ci ha colpiti, per avere la libertà di immaginare le voci dei personaggi, per il piacere di scorrere le pagine e tanti altri aspetti che non si possono apprezzare con il solo ascolto. Tuttavia, credo che sia una risorsa importante perché permette anche a chi non vede bene di avvicinarsi alla lettura.



Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)