Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Niccolò Paggi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nato a Novara dove vivo tutt'ora, e credo non ci sia stato un momento particolare in cui ho deciso di diventare scrittore. Ho sempre inventato storie, quindi scrivere e inventare sono cose che fanno parte di me praticamente da sempre.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Dipende, in genere tendo ad andare molto d'ispirazione, comunque direi appena sveglio ispirato da qualche sogno con spunti interessanti oppure a tarda notte.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Sicuramente Neil Gaiman.



4. Perché è nata la sua opera?

Avevo qualcosa da raccontare e dei personaggi in mente, e così mi sono trovato a scrivere di loro.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Direi il giusto, nel senso, una persona sarà sempre influenzata dal contesto sociale in cui vive, l'importante è non farsi condizionare troppo.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Entrambe, molto spesso nelle storie di fantasia si usano metafore per raccontare cose del mondo reale, è importante però leggere per sviluppare sempre nuovi punti di vista estranei alla realtà in cui viviamo. Forse non mi piace nemmeno la parola "evasione", fa quasi pensare ad una forma di debolezza, credo che un lettore sia più un esploratore che un fuggitivo.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Parecchio, sicuramente la figura di Alais ricalca molte delle mie ideologie e del mio modo di affrontare la vita, il tutto portato all'estremo.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Nika, con cui ho passato ore a scrivere storie alternative per i miei personaggi così da poterli conoscere meglio io stesso.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Alla mia amica Rossella, legge sempre tutte le mie storie e non se ne perde una.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?

Credo che sarà sempre una più che valida alternativa, ma mai lo strumento principale, almeno non per quanto mi riguarda. Penso che ornare una casa con libri su ogni possibile scaffale e mobile sia una cosa insuperabile.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Non ne ho mai usufruito, ma credo proverò qualcosa.



Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 18 Dicembre 2017 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)