Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

04 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Erminia Mesiti Vermiglio

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Scrivere è riappropriarsi della propria vita, è stabilire legami con chi legge. Mi permette di rivivere emozioni del passato con la consapevolezza e la maturità di oggi. Mi ha permesso, soprattutto, di superare la paura di vivere e abituarmi alla vita.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Sono presenti le emozioni vissute, le persone incontrate, i luoghi visitati, la cultura che costituisce il mio bagaglio personale, i miei amori, i miei tormenti ma il bello della scrittura consiste nel fatto che lo scrittore è il dominus assoluto, è colui che può raccontare i fatti o decidere, alla fine, di stravolgerli a suo piacimento, di sconfinare, di dettare le sue leggi. Non esiste ordine cronologico.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Tutta l'opera è un regalo a me stessa e ad altri che con me hanno attraversato la vita ma non più presenti. Ho regalato, attraverso la scrittura, a persone amate, la contemporaneità. Ho dato loro l'opportunità di rivivere tutte insieme, di parlare tra loro e con me, in una dimensione direi quasi metafisica.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

La decisione di intitolare il libro "Blu Solo" è stata la parte più semplice in quanto la scelta, sin dall'inizio, è stata quella di rappresentare la mia solitudine, mai predominante in senso negativo, piena di colori e di voci. La parola Blu, che in inglese vuol dire 'malinconia', era quella che meglio rappresentava il mio stato d'animo del momento. Il 'Solo' si capirà alla fine.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Porterei "Infinite jest" di David Foster Wallace perché è un viaggio caleidoscopico, complesso, paradossale, visionario e disincantato. Mai noioso e pervaso da un'ironia delirante.



6. E-book o cartaceo?

Ritengo ambedue validi, purché si legga.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Quando ho ricevuto commenti positivi, su alcune pagine che stavo scrivendo, da persone che stavano attraversando un periodo di grande crisi esistenziale. Mi hanno confidato di aver tratto beneficio da alcune frasi del mio libro e allora ho pensato che forse valeva la pena continuare.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Viaggio spesso sola. Durante i miei viaggi ho conosciuto tante persone e tante tradizioni legate ai luoghi che attraversavo. Ho osservato in silenzio e riportato a casa sensazioni uniche. Un episodio mi ha colpita in modo particolare. Stavo consumando un sandwich in una stazione di servizio quando noto un qualcosa di familiare ma di insolito per il luogo in cui mi trovavo. Una famigliola composta da quattro persone si era seduta al tavolo di fronte al mio. La signora toglie da un borsone una tovaglia e inizia ad apparecchiare il tavolino: piatti di carta, tovaglioli, una bottiglia d'acqua e dei panini. Nessuno di loro ha mai detto una parola. Mi colpiva la compostezza dei bambini e la precisione dei gesti della mamma che agiva come se il mondo intorno a lei non esistesse. Dopo aver finito il semplice pasto, i bambini sono andati al bagno, la mamma ha sparecchiato e sono andati via in silenzio, a testa bassa, così come erano arrivati. L'ho riportato nel libro per la singolarità del fatto e per il senso di solitudine che ho letto sui loro visi.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Sento che i miei pensieri, i miei ricordi, le mie emozioni, i miei affetti non scompariranno con me. Niente andrà perduto. "Ogni cosa è compiuta" disse Gesù e, in quel momento, si è anche compiuto l'annullamento del tempo, si sono dilatati gli spazi cancellando ogni confine.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Mio figlio: il critico più spietato, esigente e imparziale che io potessi trovare come analizzatore del testo.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Al di là dei casi di necessità (i non vedenti, per primi, ma anche tante altre persone con disabilità diverse) ritengo che tale strumento possa limitare la fantasia poiché il lettore userà toni, pause e volumi che 'lui' ritiene adeguati togliendo a colui che ascolta la facoltà e il piacere di 'volare' nella libera interpretazione.

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 04 Novembre 2017 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)