Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

20 Lug
Vota questo articolo
(6 Voti)

Intervista all'autore - Michele A. Scarati

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Confesso che le cose più importanti che ho scritto nella mia vita, oltre la tesi di laurea, sono stati verbali di arresto e informative di reato per la mia attività professionale di carabiniere (scherzo). Scrivere è certamente una forma d’arte, uno dei tanti modi creativi di esprimere se stessi e rappresentare e raccontare le proprie idee che, specie per chi scrive un saggio, possono anche non essere condivise o essere criticate.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Praticamente tutta la mia, quasi, trentacinquennale esperienza professionale di appartenente alle forze dell'ordine.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Elementi di etica con-divisa non è solo un saggio sull'etica è, soprattutto, una guida pratica a sostegno di tutti gli operatori appartenenti al “sistema sicurezza” (poliziotti, militari, operatori del soccorso, etc), al fine di condividere alcuni punti di partenza per un valido orientamento formativo, educativo e morale per l’attuazione di buone pratiche operative.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

La struttura del libro si è sviluppata in itinere, a mano a mano che raccoglievo le idee e le riversavo sul foglio. Per cui mi è capitato più volte di cambiare il titolo all’opera strada facendo.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Mi piacciono molto i saggi e i manuali. Su un’isola deserta porterei sicuramente un manuale di sopravvivenza.



6. E-book o cartaceo?

Certamente cartaceo. Ho necessità di sottolineare, evidenziare, appuntare tutto a margine delle mie letture.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Scrivere non è per me una professione, una carriera da intraprendere, ma un modo per dare sfogo all’emozione di poter trasferire ad altri, specie ai più giovani, esperienze e conoscenze.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Quando sono diventato docente di “Tecniche di comunicazione e gestione dei conflitti” presso la Scuola Regionale di Polizia Locale della Regione Campania, mi sono accorto che la scuola aveva delle materie di studio ma non dei specifici programmi di insegnamento. Per cui ho dovuto approntare io delle dispense per i miei corsisti. Quindi mi è venuta l’idea di iniziare a scrivere un testo che raggruppasse tutti gli argomenti di interesse del corso. Volevo partire dal commento al testo del Codice Etico Europeo di Polizia, ove viene sottolineata l'importanza delle capacità comunicative che deve possedere un operatore di polizia per affrontare bene questo mestiere. Ma la parola “Etica” mi risuonava continuamente nella testa. Non avendo fatti studi classici o scientifici ho dovuto approfondire l’argomento filosofico divorando molti scritti sull’argomento. Così, mentre iniziavo a scrivere un testo diverso, mi sono appassionato tanto alla materia che alla fine ho scelto di scrivere un saggio sull’etica, ma sempre legato al mondo della sicurezza. La realizzazione di quest'opera mi è costata ben tre anni e mezzo di lavoro e di studio.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

È stato emozionante toccare e sfogliare con mano l’opera appena realizzata su cui capeggiava il mio nome. Non pensavo minimamente che da una piccola idea si potesse creare un’opera importante per me e, spero, anche per altri.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Mio figlio e i miei più stretti collaboratori.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Credo che qualsiasi novità o sperimentazione che possa avvicinare le persone alla cultura, in tutte le sue forme, deve essere sempre praticata. L’audiolibro potrebbe essere utile durante i viaggi.

 


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 20 Luglio 2017 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)