Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

19 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Federica Pittau

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Vengo da un paese della Sardegna, attualmente vivo in città, ma solo da un anno a questa parte. Mi è sempre piaciuto scrivere, lo trovo un buon modo per esprimere ciò che provo, anche perché sono sempre stata molto riservata. Non riuscirei mai a definirmi "scrittrice", ho tutta la vita davanti e non so come sarà il mio futuro. Da circa 10 anni, scrivere un libro, è uno dei numerosi sogni nel cassetto che ho. Sapere che si sta realizzando è surreale. Ancora non ci credo.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Quando sto male oppure ho qualcosa dentro che non riesco a capire, scrivo. Scrivere mi aiuta a capire ciò che provo, analizzare ciò che mi succede e valutare le possibili soluzioni. Non ho un tempo definito, scrivo "di pugno", quando ne sento il bisogno.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Non ho un autore preferito, leggo molto e scegliere è difficile, anche perché non ho un genere preferito. Come autore italiano ammiro molto Alessandro d'Avenia, infatti ho tutti i suoi libri (anche autografati). Però come autore straniero sicuramente J.K. Rowling, ha segnato la mia infanzia, adolescenza e vita. Adoro Harry Potter. Credo davvero che la Rowling sia un genio della scrittura, la ammiro tantissimo da quando ho letto il suo primo libro.



4. Perché è nata la sua opera?

Come scopo principale l'opera è nata per aiutare le persone. Cerca di sensibilizzare i grandi e avvicinare i giovani, come me, a vedere le cose sotto più punti di vista. Il motto del libro è "devi combattere, ma non sei solo". Cerca di spingere i giovani ad aprirsi con gli altri, esprimere le proprie emozioni, sfogarsi, trovare delle soluzioni a diversi problemi, che oramai in questa società, sono quotidiane. È nata proprio ora perché ho passato un periodo, che mi ha portato ad analizzare ciò che provavo, in maniera più dettagliata.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Il contesto sociale ha influito davvero tanto. Questo perché il libro mira a cercare di "migliorare" la società "meschina" in cui viviamo, quella in cui io (come altre persone), non mi ritrovo affatto. Vivo in un paese dove tutti si conoscono e dove certe discriminazioni sono all'ordine del giorno. In città l'ambiente è molto differente, ma sono anche più grande quindi le cose le vivo in maniera diversa.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Credo sia un po' entrambe le cose. Quando scrivo, cerco di raccontare e trovare un senso alla realtà che mi circonda. Ma allo stesso modo, nel momento in cui mi trovo a scrivere, vengo come assorbita dalla scrittura stessa. Questo momentaneamente mi allontana dalla realtà e dai problemi che, magari qualche minuto prima, mi stavano "massacrando" il cervello.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Credo che tutto quello, che una persona scrive, possieda una parte dell'anima dello stesso scrittore.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Diciamo che, vivere un determinato momento della mia vita, mi ha fatto capire che non potevo più tenermi tutto dentro, ed era necessario che io scrivessi. Avevo bisogno di creare qualcosa di positivo, da quel brutto momento.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Ai miei migliori amici.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Sinceramente non ho un parere "positivo" riguardo l'argomento. Credo che il digitale non possa mai sostituire il cartaceo. Molti li paragonano, ma non è possibile farlo perché l'emozione del libro cartaceo è unica. Non si può sostituire.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Sono favorevole e credo sia davvero utile. È come avere sempre qualcuno disposto a leggere il tuo libro preferito. Oltretutto, per chi non vede o non sa leggere, credo sia un'ottima alternativa. In questo modo, anche chi non ha la possibilità di leggere, può comunque stare vicino al mondo della lettura.

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 19 Luglio 2017 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)