Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Lug
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Roberto Furlan

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

La scrittura di un libro come "Il mio Cammino di Santiago" è per me il modo di riscoprire delle sensazioni e delle emozioni provate in prima persona o ascoltandole da compagni di viaggio e l'occasione di poterle mettere a disposizione di chi, nei momenti e nelle situazioni più disparate, vorrà venirne a conoscenza per curiosità o per documentarsi in maniera diversa su un viaggio che è nell'immaginario di molti e segna in maniera indelebile chi lo percorre.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Tutto ciò che racconto nel mio libro riporta fedelmente il "percorso" di quei giorni con le difficoltà, gli stati d'animo e le emozioni provate. Nulla è romanzato ma solo fedelmente riportato, al fine di permettere, sia al lettore esperto che a quello completamente "digiuno" di questo tipo di esperienze (siano esse di vero e proprio cammino o più semplicemente di Nordic Walking o di escursionismo domenicale) di poter fruire dei contenuti del libro in maniera diretta, senza inutili nozionismi o tecnicismi.

 

 

 

3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Lo scrivere questo mio primo libro, ma soprattutto il rileggerlo, ha significato per me comprendere appieno il senso di questa esperienza e riconoscerne gli innumerevoli pregi. Il Cammino è, infatti, prima che un' esperienza "fisica", soprattutto l'occasione di guardare dentro se stessi, con le proprie debolezze ed inaspettati punti di forza, il riscoprire la bellezza del silenzio e del contatto con la natura, in un' ottica distante anni luce da quella dettataci dalla nostra frenetica vita di tutti i giorni.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

Il titolo è stato fin da subito quello definitivo, perché doveva essere chiaro che si trattava di un "diario" e non di uno dei tanti manuali su cosa fare o non fare lungo il Cammino.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Su di un'isola deserta vorrei con me un libro come "Viaggio al Centro della Terra" di Julius Verne, per la sua capacità di far sognare e coinvolgere il lettore o la compagnia di uno scrittore come Mauro Corona, profondo conoscitore della natura e delle persone.



6. E-book o cartaceo?

Cartaceo tutta la vita, anche se l'e-book facilita la fruibilità e la diffusione dei libri.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Non mi ritengo uno scrittore, ma piuttosto una persona alla quale piace raccontare le proprie esperienze per condividerle con gli altri. Non escludo quindi di poter in futuro scrivere qualche altro lavoro sempre in forma di diario, riguardante i viaggi, attività che prediligo.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

L'idea di far diventare un libro il mio diario di viaggio è nata al mio rientro a casa nel giugno del 2015, quando riordinando gli appunti mi sono reso conto che non si trattava di un semplice schematico riassunto delle mie attività giornaliere. ma piuttosto di un racconto degli stati d'animo, delle situazioni incontrate e delle emozioni provate. Ho deciso quindi di mettere su carta tutte queste cose ed anche i ricordi che a mano a mano riaffioravano, rileggendo gli appunti.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

È un'esperienza che consiglierei, perché da la soddisfazione di veder prendere forma alle proprie idee e la possibilità di condividerle con gli altri.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

I miei familiari, che mi hanno successivamente convinto a decidere per la pubblicazione di quello che nelle mie intenzioni doveva essere solo un "diario" della mia esperienza.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Sono senz'altro favorevole all'audiolibro, soprattutto nell'ottica di una maggiore diffusione dei libri anche grazie ai prezzi più contenuti, ma personalmente trovo molto più coinvolgente e soddisfacente la lettura di un libro cartaceo.

  

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 18 Luglio 2017 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)