Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

03 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Anna Pellizzaro Tempesta

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nata a Padova, vivo a Treviso. Sono vissuta a Feltre (BL) che, considero la mia culla. poi a Conegliano Veneto il luogo dell'adolescenza e dell'amore, in seguito Padova, Milano, Quinto di TV luogo della mia professione di maestra elementare e ora a Treviso. La scrittura è sempre stata il mio passatempo preferito. Ho pubblicato il primo libro di racconti nel 2002 "Grilli per la testa". Questo è il secondo.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Non c'è un momento preciso. Quando mi viene l'ispirazione prendo appunti e li riordino in seguito. Il primo libro è stato scritto di sera e durante la notte. Brevi racconti ai quali sono molto affezionata. Quest'ultimo ha avuto una gestazione lunga.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Ho letto quasi tutti i libri della scrittrice Dacia Maraini ed ho seguito alcune sue lezioni di scrittura creativa in un programma televisivo. Ora sto leggendo i meravigliosi racconti di Alice Munro, premio Nobel per la letteratura 2013. "La danza delle ombre felici" è stato il primo libro che ho letto. Un regalo di Natale di mio figlio.



4. Perché è nata la sua opera?

Perché amo anche la letteratura "gialla". Agatha Christie, Georges Simenon, Arthur Conan Doyle, Rex Stout ,(creatore di Nero Wolfe). Il regista preferito è Hitchcock. Naturalmente l'aiuto maggiore, per una scrittura scorrevole e corretta, mi è stato dato dalla lettura dei classici dell'ottocento e novecento, italiani e stranieri.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Il mondo della scuola presuppone conoscenze profonde, perciò la lettura è fondamentale, una lettura a tutto campo: libri, quotidiani e molto importante è conversare con le persone, leggere nei loro volti espressioni che raccontano spesso storie inedite ed interessanti per uno scrittore.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Entrambe. Parto sempre da ciò che conosco per non cadere in contraddizioni. Non è semplice inventare. Si può fare con le fiabe, nelle quali entra in gioco la fantasia e l'immaginazione, come dice Alfred Hitchcock. Sappiamo, però, che anche lì, spesso si parte da un fatto tramandato e poi elaborato. Scrivo anche fiabe correlate dalle mie illustrazioni. Le dedico ai miei nipoti.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

I sentimenti dei protagonisti spesso rispecchiano i miei valori e le mie convinzioni. Nei gialli ricordo e descrivo i luoghi nei quali sono vissuta. A questo punto direi, molto.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Molte persone e fatti che via ,via ho avuto modo di conoscere. Il goloso, i bambini, i luoghi, come dicevo prima, le esperienze. Se, come fondamentale, si pensa alle persone che mi hanno permesso di dedicarmi alla stesura, posso dire senza ombra di dubbio, i miei figli e mio marito.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

A mio marito, che si è sempre dimostrato critico imparziale e mi ha incoraggiato a pubblicare entrambi i libri. Ad un amico Carabiniere per una consulenza sui racconti gialli. Per gli altri desidero sia una sorpresa.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Penso di sì. Infatti mi sono avvicinata a voi. Penso, che il successo della scrittura sarà sempre il contenuto dei testi. Alla mia età, trasmetto in e-book, ma amerò la carta stampata.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Ne sono entusiasta, è un mezzo che avvicina tutti alla lettura. io stessa ho una buona raccolta di audiolibri. Anche in cassetta.

  

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)