Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Set
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Mario Tommei

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

La scrittura è per me il modo di uscir immergersi in un mondo diverso che puoi plasmare a seconda di una trama che la tua mente ha concepito e che ti dà l'emozione di essere parte del gioco che tu puoi condurre a tuo piacimento.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Per quanto mi riguarda ci sono ricordi che mi riportano indietro nel tempo, nei luoghi dove ho vissuto un'infanzia felice e che vengono rivisitati nel racconto, nelle situazioni già vissute, in certi personaggi conosciuti personalmente, in paesi visitati nel corso dei miei viaggi.




3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Una sensazione di riscatto da una vita monotona di lavoro nel campo finanziario; una liberazione da schemi di ordinaria realtà.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

La scelta del titolo è stata, in certo senso, obbligatoria nei confronti di un'opera d'arte che, in sostanza è la vera protagonista del mio lavoro.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

“Il giardino dei Finzi Contini” che ha sempre lasciato in me un senso di inquietudine che ancora non ho risolto. Un autore? Ah potere interrogare Hemingway e farmi raccontare la sua vita!



6. E-book o cartaceo?

Cartaceo, non ho dubbi.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Molto tardi dopo una vita di lavoro tutta dedicata alle vicende finanziarie e dopo alcuni viaggi negli Stati Uniti per approfondirle. Quindi per rifarmi una "verginità".



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

L'idea è nata da una visita a una mostra del grande pittore, proprio in una località di cui narro. Così nasce lo spunto via via irrorato da tanti lampi di fantasia.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Un'emozione indescrivibile un senso di orgoglio e vanità.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Paola, carissima amica e consigliera, insegnante, a cui l'ho fatto leggere quando era ancora in bozze. Ne è stata entusiasta.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Che sia una grandissima evoluzione, perché, al di là del suo anche nel campo artistico, offre una grande possibilità ai non vedenti.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)