Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

16 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Daniela Menghetti

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nata in Lombardia a Milano ma sono cresciuta nel Veneto. Guardavo il cielo, un giorno dopo il decesso di mio marito ho provato tra una sorta di profondo dolore e solitudine, mi sono accorta di quante altre persone come me, tengono nel cuore segreti celati da tutta la vita. Così ho iniziato a scrivere su fogli di carta.




2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Sempre. Ogni cosa che ascolto o vedo, mi tocca l’anima, scrivo e riscrivo... Ho dovuto improvvisare anche quando, un giorno decisi di andare via da tutto ciò che poteva ferirmi, scrissi anche sulla carta igienica dei treni. Scrivevo su tutto ciò che trovavo, anche nei McDonald’s della stazione centrale di Milano.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Io leggo autori vari a carattere psicologico. Mi piace Nicholas Sparks e altri di cui ne parlerò più avanti.



4. Perché è nata la sua opera?

Perché ho fede nella benedetta speranza che ogni genere di violenza fisica e psichica sia ascoltata rigorosamente, che la gente impari ad ascoltare, che l’indifferenza si limiti o tramuti in "aiuto" .tutto ciò non sia invano perché ogni persona vale.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Molto. Scrivendo ho rivissuto il mio passato estremamente doloroso, ma ciò mi ha dato la forza di continuare per persone che in questo percorso ho conosciuto imparando a perdonare.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Personalmente è verità anzi, un lavoro faticosamente lungo ma necessario per affrontare diversamente la vita e poterla anche cambiare.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Tutto. la mia fede è il libro. Il mio passato o presente è scritto in pagine, attraverso una penna.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

La fede, Dio, la vita, l’amore, cose fondamentali che per chi come me fa la differenza senza paura più di parlare, o di scrivere messaggi, comunicare è vitale.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

A Altromondo editore e alla Book sprint.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Potrebbe e lo spero.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

È una novità che va divulgata.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 16 Agosto 2016 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)