Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

12 Ago
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Mike Frajria

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nato Merano dove ho vissuto fino a 5 anni fa. Ora vivo in Andalusia (Spagna). All’età di 21 anni ho iniziato a Milano la mia attività di musicista lavorando con numerosi artisti di fama degli anni 60/70. Tornato in Alto Adige ho continuato ad occuparmi di musica in varie sale di registrazione e radio private nei ruoli più disparati: autore di testi, compositore, arrangiatore, produttore, speaker, ecc. Ho sempre amato il format musicale della rock-opera (esempio Tommy degli Who) e ne ho scritte diverse, story-boards, testi e arrangiamenti compresi. Nel 2000 un mio musical sull'uomo dei ghiacci (Frozen Fritz) è andato in scena al teatro nuovo di Bolzano. Dalla stesura di storyboards è nata l'idea di scrivere racconti e romanzi.




2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Quando ho tempo, la mattina. Ma ogni ora in cui ho un po' di pace va bene.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Ce ne sono alcuni: tra gli italiani Italo Calvino. Paul Auster per gli stranieri.



4. Perché è nata la sua opera?

Avevo scritto una serie dei racconti incentrati su musica, fenomeni acustici, esperienze uditive ecc. "Specularità" che in origine si chiamava "Canone" è diventato tanto lungo che è valsa la pena di considerarlo romanzo a parte.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Moltissimo. Il mio ambiente di lavoro è la musica e credo siano palesi i riferimenti musicali diretti e indiretti nel mio romanzo.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Un'evasione, un diletto, un tuffarmi in altre realtà partendo dalla mia. Spesso, un sognare ad occhi aperti.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Molto. In un certo senso sono un po' di ognuno dei tre personaggi centrali.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Non proprio fondamentale, ma un amico che ha letto un breve riassunto di una mia opera rock, mi ha incoraggiato a scrivere. La voglia di scrivere (anche se saltuaria e discontinua), ma soprattutto il piacere di "inventare" storie e intrecci l'ho sempre avuta.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

I primi brani, mentre nascevano, a mia moglie. Poi il romanzo intero ad un amico.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Non ne sono sicuro, credo che la lettura dell'e-book andrà in parallelo con il formato cartaceo.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Interessante. Io stesso ne ho realizzati come speaker per un cliente. Personalmente preferisco però il ritmo di lettura mio a quello imposto dall'ascolto.    

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)