Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

12 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Pasquale D'Alterio

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Sono nato e cresciuto a Giugliano (NA) ed ho compiuto i miei studi a Napoli, dalla scuola media al liceo classico fino all'Università Federico II, dove mi sono laureato in Lettere classiche agli inizi del 1967.Qualche mese dopo ho iniziato ad insegnare Italiano e Storia in un istituto tecnico e successivamente latino e greco nel liceo del mio paese.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

I "Canti" di G: Leopardi.




3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Indubbiamente c'è stato con lo sviluppo delle tecnologie, un forte sviluppo dell'e-book, anche se, a mio parere il libro cartaceo avrà ancora una lunga vita.



4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

La scrittura è qualcosa che matura col tempo, non un'illuminazione improvvisa, in quanto trae alimento dalle letture dagli studi e dalle progressive conoscenze, e, non ultimo, nel caso particolare della poesia, dalle esperienze, belle o brutte della vita vissuta.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

Il desiderio di esprimere e mettere per iscritto le mie emozioni ed i miei sentimenti, a me stesso, quasi per un'intima confessione, poi forse ad eventuali lettori.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

Non credo di essere in grado di inviare messaggi, o forse, l'unico "messaggio" che potrebbe evincere dalle mie modeste considerazioni è quello di vivere serenamente senza nutrire grandi ambizioni né di gloria né di ricchezza, senza per questo realizzare se stessi nel campo a ciascuno congeniale.



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Vedi risposta n.4



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

Non mi sovviene nessun episodio particolare legato alla nascita del mio libro.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

In verità non mi ero posto alcun termine alla stesura in quanto mi limitavo a trascrivere le mie emozioni man mano che le sentivo maturare in me, senza che neppure mi sfiorasse l'idea di pubblicarle.



10. Il suo autore del passato preferito?

Luigi Pirandello, perché più di ogni altro ha saputo rappresentare nella narrativa e nel teatro l'inganno della verità assoluta e la relatività del reale.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Non conosco a sufficienza le caratteristiche dell'audiolibro non avendone esperienza diretta; in ogni caso ritengo che la mia risposta possa essere la stessa di quella di cui al n.3 della presente intervista.

 


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)