Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

11 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Roberto Lorenzani

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Premesso che per me non è semplice scrivere un libro, come potrebbe sembrare. Sia che si tratti di un romanzo o di un racconto di una storia vera, mettere su carta ciò che si prova o ciò che si vuole trasferire a chi leggerà, è molto emozionante perché c’è sempre una parte di te che se ne va.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Questo libro racconta la reale storia della prima spedizione mondiale nel cuore della Siberia. In questo racconto è presente il 100% della mia esperienza.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Raccontare questa esperienza ha significato rivivere gran parte dei momenti più significativi, entusiasmi, momenti di panico e di paura, il forte legame che si è creato con tutti, al di là della lingua, nazionalità, e culture diverse.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

La scelta del titolo è sempre complicato. Io volevo creare una forte curiosità nel lettore.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Parto dal presupposto che io ho fatto un’esperienza di un mese da naufrago volontario in un’isola deserta, un atollo del Sud Pacifico. Io volutamente non mi sono portato nessun libro per non avere distrazioni e vivere appieno la solitudine e l’esperienza da naufrago. Se dovessi scegliere un libro da portare, mi porterei o un manuale di sopravvivenza che mi sarebbe utile per come muovermi o “L’isola del giorno dopo” di Umberto Eco.



6. E-book o cartaceo?

Penso sia indifferente, anche se personalmente prediligo il cartaceo.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Non mi sento uno scrittore, ad un certo punto della mia vita ho sentito la voglia di raccontare le mie esperienze, dal momento che escono dal quotidiano.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Vedi la risposta n°6.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Grande soddisfazione vedere una parte della tua vita in una libreria a disposizione di tutti.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Mio figlio.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Non la conosco.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

  

Venerdì, 12 Agosto 2016 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)