Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

23 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Francesco Cavataio

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nato tra il popolo di Palermo; uscito di casa molto presto per cercare il significato dell'esistenza ho consumato subitole teorie sulla Vita. Adesso sono cenere dentro me. Non ho deciso di diventare scrittore ma come uscivano versi mi ritrovo a scrivere libri quasi naturalmente. Invento poco le mie Poesie, escono dall'osservare la realtà che mi circonda.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Idealmente da quando mi sveglio e apro gli occhi sino a che li chiudo per dormire. Nell'arco della giornata prendere appunti è consueto.




3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Non c'è in particolare qualcuno, molti sono bravi ma nessuno mi somiglia.



4. Perché è nata la sua opera?

L'Opera è nata per sfogo alla mia disperazione: l'aver dovuto lasciare i miei figli per colpe non mie. Provai a scrivere un monologo come a guardarmi su uno specchio intanto che smaltivo il dolore tra le Vie di Napoli ho assorbito spunti dal mio “vagabondare”.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Devo tutto al contesto sociale dove ho vissuto e quasi vivo.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Se dovessi definirmi direi Reale.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

A parte qualche piccolo episodio inventato per motivi letterari -tutto il resto potrei definirlo biografico.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Sino adesso solo me.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Ho subito un furto delle bozze nelle Poste di Napoli (conservo le ricevute). 1/3 del proemio è stato letto anni fa dalle loro Eminenze Cardinali -Salvatore De Giorgi e il fu Salvatore Pappalardo entrambi ex Arcivescovi di Palermo e da voi.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Secondo me non è l'e-book il futuro del libro. Il cartaceo andrà sempre bene anche se al momento è in crisi, ai posteri l’ardua sentenza.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Non è cosa nuova per me ho frequentato l'Unione Italiana Ciechi e già anni addietro avevano una Biblioteca adatta allo scopo.

 

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)