Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

31 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Simonetta Vacca

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Sono nata a Cagliari. Ho vissuto nel paese dei miei genitori fino ai 20 anni, e nelle città di Nuoro e Olbia fino ai trenta.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

“Alice nel paese delle meraviglie”.



3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Penso che debbano coesistere, la pagina stampata ha un fascino particolare che l'e-book non può emanare, ma non si può non accettare l'evoluzione, è una forma di civiltà restare al passo con le nuove scoperte altrimenti ci si isola e si perde il bello delle nuove scoperte.





4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

È dall'età di 5 anni che racconto storie. Questo libro è per me il coronamento di un sogno che ora è realtà. Mi sono accorta che faccio star bene le persone quando scrivo per loro una favola, una poesia, un breve racconto. Ecco, è per questo che racconto storie, mi piace vedere l'espressione felice sul viso di chi le sta ad ascoltare.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

La spinosa questione dell'egemonia psichiatrica sulla salute mentale dei cittadini. Faccio parte del comitato dei cittadini per i diritti dell'uomo(CCDU) e ho avuto modo di conoscere e vedere di persona le barbarie perpetrate negli istituti psichiatrici, in nome della scienza e dell'aiuto.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

Quello di osservare direttamente la vita, e non, credere ciò che sente solo perché viene detto da un "autorità “o un "esperto”, bisogna accertarsi in tutti i modi possibili, avvicinandosi, finché si riesce, alla fonte della notizia. Uno psichiatra dice che lui è il solo autorizzato a giudicare lo stato di salute dei cittadini. Andate in un istituto psichiatrico e vi accorgerete che non sa come curare la malattia mentale, non sa che cosa crea il disagio mentale, sa solo come rendere calmo e arrendevole un essere umano, lo imbottisce di psicofarmaci e lo porta al suicidio.



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Ho sempre raccontato storie, e ora sono convinta che la scrittura è una forma estetica di comunicare con gli altri.



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

Ho scritto questo libro in un tempo brevissimo neanche un mese, era come se ne conoscessi già la trama, non l'ho studiato corretto o riscritto, sembrava che ci fosse qualcuno a dettarmelo così come l'ho scritto. Mi succede così anche quando scrivo le poesie; penso alla persona per cui devo scriverla e mi arrivano i versi che più si adattano al suo modo di essere.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

No, anche perché l'ho scritto velocemente.



10. Il suo autore del passato preferito?

Lafayette Ron Hubbard.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

È un altro modo di diffondere la cultura. C'è l'impronta caratteriale di chi racconta, una voce può aiutare a tenere vivo l'interesse per il racconto, un po’ come i racconti alla radio.



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 31 Dicembre 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)