Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

21 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Maurizio Tiriticco

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Sono nato a Torino nel 1928. All'età di 5 anni mi sono trasferito a Roma, poi la mia adolescenza, i cinque anni del ginnasio, li ho trascorsi a Ostia. Dopo la guerra mi sono trasferito a Roma definitivamente.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

Non saprei! Forse i romanzi di Pasolini, duri, ma sempre attuali, significativi e grandi sollecitatori di riflessioni.




3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Penso che si perda la fatica della lettura, una fatica che l'ascolto non sollecita. Il fatto è che si sta disimparando a leggere e anche a scrivere manualmente purtroppo. Scrivere manualmente richiede una manipolazione che attiva il cervello in profondità: ciò che non fa la tastiera.



4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

Ambedue le cose! Anche le ispirazioni dei grandi poeti, dopo il "colpo di fulmine" hanno richiesta tanta fatica, il lavoro di lima alla luce di una lucerna, come dice Orazio.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

La necessità di raccontarmi e di capire tante cose che da giovane uno non si pone. La vecchiaia è sempre una buona consigliera. Se poi racconto qualcosa anche ad altri, è bene... se altri capiscono e, se del caso, condividano anche.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

Di fare tesoro dell'epoca in cui viviamo, anche se i problemi sono tantissimi! Il passato è passato e va studiato soprattutto per capire meglio il presente e progettare il futuro. È un malattia dei giovani di oggi: di essere schiacciati sul presente, non conoscere il passato e non proiettarsi nel futuro.



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Non era un sogno! Era una necessità! La difficoltà della comunicazione orale, il tallone d'Achille dei timidi, mi ha sempre spinto a preferire di comunicare per scritto.



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

L'insieme dei fatti terribili di quei due mesi che vanno dal 25 luglio all'8 settembre del 1943. Un mondo che crolla e un mondo tutto da costruire.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

No! Sapevo dove dovevo arrivare. Comunque, non ho mai pensato di lanciare dei messaggi. È stata solo una sollecitazione a riflettere.



10. Il suo autore del passato preferito?

Salgari e Verne: l'avventura e la fantascienza. Comunque, ho amato tanto a anche i fumetti.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Ho già risposto, mi sembra: l'audiolibro impigrisce perché ascoltare non richiede la stessa "fatica" del leggere. E parlare è meno faticoso di scrivere. Non a caso si è sempre detto che sono fondanti il leggere, lo scrivere e il far di conto.

 


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 21 Dicembre 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)