Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

04 Set
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Veronica Crescente

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Sono nata e cresciuta sul Lago di Garda, un luogo che ho sempre amato e che, crescendo, riesco ad apprezzare sempre di più: mi affascinano i paesaggi, i tramonti che si spengono dietro le montagne ma mai prima di riflettersi nelle acque del lago e la tranquillità nella quale mi immergo con piacere prima di affrontare il caos della città, Verona in particolare, dove ho frequentato e frequento tutt'ora l'università in attesa di conseguire la laurea magistrale in Editoria e Giornalismo.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

Senza ombra di dubbio "Il gabbiano Jonathan Livingston" di Richard Bach: l'ho letto da adolescente per poi riprenderlo in età adulta. Lo trovo un libro straordinario, un romanzo di formazione ma centrato sulla dimensione spirituale, aspetto quest'ultimo sempre più trascurato dalle nuove generazioni ed a rischio estinzione. Bach descrive ciò che ogni adolescente si trova a dover affrontare, il percorso di iniziazione per accedere alla vita adulta. Egli guida l'ipotetico lettore teen-ager nella giusta direzione dando un ordine di priorità alle tappe da seguire, partendo da se stesso ed inseguendo le cose più importanti che un giovane, futuro adulto, deve imparare per poter vivere affrontando con coraggio e successo la vita. Quattro sono i consigli o, per meglio dire gli insegnamenti, da me rintracciati nel romanzo: - pensare fuori dal coro abolendo la frase "lo fanno tutti, lo devo fare anch'io" - perseguire le proprie passioni, crederci sempre nonostante le difficoltà ed i sacrifici - sperimentare la solitudine - imparare ad essere libero nella mente e nello spirito per poi esserlo totalmente.



3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Spero che una cosa non vada ad escludere l'altra: personalmente la parola "libro" è ancora associata all'idea di carta, al suo profumo, alla possibilità di toccare con mano, di vivere in prima persona il testo ed il suo supporto. Riconosco tuttavia le potenzialità offerte dall'e-book: esso permette di avere a disposizione migliaia di titoli, estende quindi le opzioni di lettura e, di conseguenza, il numero di libri che effettivamente possiamo leggere e portare con noi senza occupare spazio o aggiungere peso.



4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

Ho sempre scritto con molta facilità: sin da piccola scrivevo con naturalezza sia nei compiti in classe, sia nelle attività extra scolastiche. Forse all'inizio è stato un colpo di fulmine inconsapevole, data la mia giovanissima età, crescendo si è trasformato in consapevolezza e da qui la scelta di far conoscere quello che, nel tempo, ho scritto: prima poesie, ora questa monografia e chissà, in futuro spero di percorrere altre strade cimentandomi in altri generi.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

Questo libro in realtà altro non è che la mia tesi di laurea con la quale, nel 2013 ho ottenuto il titolo di Dottoressa in Scienze della Comunicazione. Si tratta di un lavoro nel quale ho messo tutta me stessa e che mi ha dato molte soddisfazioni, non mi andava di tenerlo chiuso in un cassetto, ho voluto dare ad esso un senso. Inevitabilmente presenta un'impronta accademica ma comunque facilmente fruibile, grazie anche alla presenza di scene in formato QR direttamente visibili dal libro attraverso l'uso di smartphone o tablet: si tratta di una rilettura personale di tre dei film del grande regista, ho cercato di andare a fondo estrapolando per il lettore un messaggio molto semplice ma, secondo me, molto importante da tenere presente nella vita di tutti i giorni.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

A dispetto delle apparenze, il libro è intessuto di riflessioni sull'esistenza, un'esistenza continuamente in bilico tra realtà ed immaginazione. Come detto nell'introduzione, il lettore, al termine della lettura, porterà con sé la consapevolezza o la rinnovata consapevolezza che "buona parte di ciò che nutriamo nella nostra immaginazione può trasformarsi in azione, ma anche che non tutte le azioni corrispondono esattamente a ciò che realmente immaginiamo".



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Come già detto la passione per la scrittura c'è sempre stata, probabilmente è innata. Crescendo ne sono diventata sempre più consapevole.



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

La nascita di questo libro è la conseguenza di un colpo di fulmine avuto nei confronti di un altro libro su Woody Allen: inizialmente volevo lavorare sul metodo Stanislavskij, mi affascinava la trasformazione dell'attore in personaggio anche se non riuscivo mai ad essere completamente soddisfatta del lavoro che stavo portando avanti. Un giorno, camminando, fui attirata dalla copertina di un libro in vetrina, con la faccia del mitico Woody. Lì non ebbi più alcun dubbio: stracciai quanto già scritto e ricominciai da zero nel nome di Woody Allen.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

Si, non è stato un lavoro facile, ho avuto dei momenti di crisi: il mio pensiero si trovava a volte intrecciato a quello del regista oppure a quello di Freud e Pirandello per non parlare di quando faceva a botte con loro. Non è stata un'avventura facile ma alla fine ne sono venuta a capo con grande soddisfazione.



10. Il suo autore del passato preferito?

Ho apprezzato molto Carlo Cassola, in particolare "La ragazza di Bube": trovo straordinario il suo modo di raccontare vicende belliche e politiche senza mai dimenticare il lato esistenziale.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Non posso che essere favorevole: esso consente di essere fruito anche mentre si è impegnati in altre attività estendendo la possibilità di fruizione anche a portatori di handicap visivi. Inoltre, il fatto che venga letto da una voce, trasmette una sfumatura in più arricchendo il significato complessivo del libro.



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

4 COMMENTI

  • Link al commento Lorella inviato da Lorella

    Superlativo! Sono rimasta affascinatae dalla profondità delle riflessioni sull'esistenza, arrivando dritte al cuore

    Mercoledì, 30 Settembre 2015 22:38
  • Link al commento Veronica inviato da Veronica

    Grazie mille!

    Giovedì, 24 Settembre 2015 11:45
  • Link al commento Andrea inviato da Andrea

    Un libro davvero interessante, unico nel suo genere!

    Sabato, 19 Settembre 2015 10:08
  • Link al commento Andrea inviato da Andrea

    Libro profondo ed intenso capace di scavare a fondo nei film del grande regista e nella vita di ognuno di noi!
    Bellissimo poter accedere alle scene del film direttamente dal libro.
    Complimenti!

    Sabato, 05 Settembre 2015 21:52

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)