Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Lug
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Adriano Sasso

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Sono nato nelle campagne della Gallura, più precisamente nel comune di Luras (OT) Sono emigrato in Piemonte all'età di 12 anni, da 18 anni in poi fino alla pensione ho lavorato in Olivetti a Ivrea.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

Non saprei.



3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Penso che il cartaceo non tramonti mai, lo trovo più personale e intimo, cosa che l'e-book non ha perché è lontano evanescente.



4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

Nel mio caso la scrittura è stata una passione ponderata fin da giovane, scrivere è un modo per far emergere le cose più intime.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

Questo libro l'ho scritto negli anni, ed è solo una piccola parte dei miei lavori. Se piacerà il mio modo di scrivere, vedrò di pubblicarne altri.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

Credo che la cosa fondamentale sia che, lo scrivere dà la possibilità di conoscere se stessi.



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Lo scrivere nel mio caso lo si capisce dai miei pezzi, è stato un bisogno interiore, per focalizzare ciò che in quel momento o periodo mi mancava, per esorcizzarlo.



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

Motivi per scrivere ne ho avuti molti, la maggioranza dei quali è sempre stata sempre dovuta a sofferenza, prima per la nostalgia della terra natia che noi sardi sentiamo profondamente, poi per il più grande dolore che prova un padre.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

Inizialmente scrivevo per me, era un mio piacere che rare persone conoscevano, solo da qualche anno ho pensato di pubblicarlo. Oggi tutto corre non si riesce più neanche a capirsi, questo è stato un modo umile per dire chi sono, con le mie debolezze, ma anche la mia dignità.



10. Il suo autore del passato preferito?

I miei autori preferiti sono stati Pascoli e Carducci come poeti e come scrittore Hermann Hesse.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

L'audio libro come tale lo trovo molto più interessante che l'e-book

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 18 Luglio 2015 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)