Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Lug
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Dorotea V. E. Longo

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nata in Sicilia a Catania. All'età di 5 anni la mia famiglia si è trasferita ad Ostuni (BR) in Puglia. Da allora, almeno una volta all'anno torno in quella che continuo a considerare la mia terra. La voglia di scrivere è qualcosa che mi ha sempre accompagnato. Prova ne sono le centinaia di lettere "confessioni" inviate ai miei amici in tutto il mondo.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Di solito preferisco scrivere o nel primissimo pomeriggio o nella tarda serata quando posso "restare sola" con i miei pensieri.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Amo molto leggere Faletti, Brown e Patterson. Ma Camilleri è l’autore che preferisco anche perché poter leggere il mio dialetto e conoscere i luoghi descritti mi porta "concretamente" nella storia.



4. Perché è nata la sua opera?

Avevo voglia di dimostrare a me stessa che volere è potere. Ma la spinta maggiore è venuta dalla mia incapacità di essere equilibrata nel parlare vis a vis con la gente , pertanto, non riuscire sempre a dire ciò che voglio. È soprattutto uno strumento per mostrare quella che sono veramente.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Tantissimo. Sono, a dispetto di ciò che crede la maggior parte delle persone, una pessimista cronica. Ho avuto anche diversi problemi gravi nella mia vita e diverse perdite. Sarà per questo che adoro Leopardi. E poi la lontananza dalla Sicilia unita a questo senso di disfatta, mi ha portato ad approfondire Verga e Pirandello.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Entrambe le cose. Quando ero ragazza, ma anche adesso, avendo avuto un'educazione abbastanza rigida scrivevo per vivere le emozioni che appartengono normalmente all'età adolescenziale. Ora capita che cerco talvolta di fuggire la realtà, ma ho, come già detto, voglia di mostrarmi per come sono e non per come mi vedono.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Tanto. A volte vorrei davvero avere il coraggio di mollare tutto e vivere come un cittadino del mondo completamente autonomo e libero da qualsiasi vincolo.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Il mio correlatore e professore di italiano all'Università, professor Bruno Brunetti.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Ho fatto leggere solo alcuni racconti a mio marito.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Probabilmente sì anche se io resto dell'idea che il vero lettore ha una sorta di necessità fisica di tenere un libro tra le mani.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Di certo sarà utilissimo ma resta sempre il fatto che poter avere un libro tra le mani equivale anche a poter fantasticare sui toni della voce, sui visi ecc…



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 08 Luglio 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

1 COMMENTO

  • Link al commento maria orlando inviato da maria orlando

    Un libro stimolante e che lascia col fiato sospeso fino alla fine. Dopo arriva la riflessione obbligata da una lettura scorrevole ma profonda. maria

    Martedì, 13 Ottobre 2015 14:52

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)