Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

22 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Michele Castiglione -

Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?
Nato a Udine, poi all'età di tre anni sono andato con i miei genitori a vivere a Milano, lì sono rimasto fino all'età di venti anni, poi ho lasciato Milano per andare a lavorare e vivere nel Veneto.
 
Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
BAR SPORT di Stefano Benni, è a lui che mi ispiro nello stile di scrittura
 
Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Il libro cartaceo non morirà mai, chi ama leggere e capire quello che legge, leggerà sempre un libro
 
La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
È stato un colpo di fulmine
 
Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
Una sera mi ero attardato a rivedere per l'ennesima volta il film di Fellini " Amarcord ", sono andato a letto che erano le due, le immagini continuavano a passare nella mia mente. Quando finalmente mi sono addormentato è come se mi fossi seduto su una poltrona di un cinema e lì è partito il mio film, è la storia di quattro ragazze.
Di solito non ricordo mai i sogni, ma la mattina successiva era tutto ancora lì nella mia mente e così decisi di cominciare a fare delle ricerche ed alla fine cominciai a scrivere il racconto
 
Quale messaggio vuole inviare al lettore?
La vita è un dono bellissimo, se poi si ha la possibilità di dividerla con delle amicizie vere, questo dono diventa ancora più grande. Ed infine, se si ha la possibilità di crescere e vivere in una piccola cittadina o in un paese dove tutti si conoscono, non saremo mai soli.
 
La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
No, come dico è stato un caso, è stata una ispirazione di Fellini se ho scritto questo racconto, combinazione vuole che senza saperlo poi ho scelto come location il paese di Gambettola nella bassa romagnola. In questo paese poi durante la scrittura ho scoperto che Fellini fu concepito lì nella casa dei suoi nonni e che lui vi ritornava tutte le estati a passare le vacanze,....premonizione o destino?
 
C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Sono diversi gli episodi, il primo è quello casuale che il racconto mi è stato ispirato dal film Amarcord di Fellini e poi per combinazione, senza saperlo, l'ho ambientato nel paese dove lui venne concepito.
Un altro fortunato episodio è di aver trovato Vincenzo, un giornalista in pensione che abita a Gambettola il quale è stato la mia memoria storica.
Infine quattro meravigliose signore nate a Gambettola nello stesso anno delle mie interpreti e che mi hanno raccontato le loro vite e le loro storie, dalle quali poi io ho fatto tesoro nello scrivere il racconto.
Ultima incredibile combinazione è che la quarta amica che nel racconto muore, è una signora a cui io mi ero ispirato, lei l'anno scorso è morta in un incidente.
 
Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
No mai, è stato bello scriverlo, .......alla fine quando la quarta amica muore, mi sono commosso nello scriverlo e quando l'ho riletto mi è venuto un groppo in gola.
 
Il suo autore del passato preferito?
Confesso di aver letto pochi libri in vita mia, in cambio però ho visto migliaia di films, comunque adoro Stefano Benni.
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
È una cosa nuova e potrebbe essere interessante

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)