Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Marta Massei -

Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere per me è un modo per sentirmi libera. Fin da piccola ho legato molto con il mondo della letteratura ed ho iniziato a leggere i miei primi libri.
Scrivendo ho notato che riuscivo a far emergere sentimenti che sotterravo e non riuscivo ad accettare.
non nascondo che alcune volte ricordare il passato attraverso le parole fa anche male, ad esempio alcuni testi di questa opera sono stati molto dolorosi, poiché hanno portato alla luce ricordi del passato che negavo anche a me stessa (come ad esempio la perdita di qualcuno).
 
Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Questo libro è la voce dei miei silenzi: pianti nascosti da sorrisi, timori nascosti dalla figura che mi son costruita.
Nonostante abbia scelto di non specificare il mittente di questi testi, questo libro è molto vicino a me e a ciò che vivo. Secondo me la categoria degli adolescenti riuscirà ad immergersi in queste parole, mentre alla categoria un po’ più adulta risveglierà qualche ricordo legato al passato.
 
Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Ho dato vita a quest’opera tendenzialmente per mettere in gioco me stessa. Essendo una giovane ragazza e relazionandomi con il mondo social, ho notato che noi adolescenti siamo legati proprio dai sentimenti: la delusione, la felicità e la gelosia.
Ho deciso di racchiudere ciò che provo, per capire ai ragazzi che tutti abbiamo degli scheletri nell’armadio, ma che la vita ci offre tante situazioni che dobbiamo affrontare.
 
La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con sé stessa per deciderlo tra varie alternative?
Il titolo è venuto da sé. “Tutto ha un peso“ racchiude ciò che si trova all’interno del libro ovvero un’ampia categoria di sentimenti.
 
In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Il diario di Anna Frank un libro che leggo spesso, poiché mi fa riflettere su ciò che la vita mi ha donato ma anche dell’importanza della scrittura nonostante si vivono momenti difficili.
 
Ebook o cartaceo?
Cartaceo, mi piace “vivere” il libro.
 
Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittrice?
Non mi definisco ancora una scrittrice poiché questa per me è un’esperienza che mi lascerà un segno per tutta la vita
 
Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Quest’estate, soprattutto a tarda sera, mi sedevo su una sedia fuori nel terrazzo poiché mi piace guardare le stelle, un giorno presi anche un foglio e una penna e iniziai a scrivere vari testi, che, col passare dei giorni, raccolsi e misi da parte.
dopo qualche mese provai a contattare diverse case editrici ma ovviamente non avevo alcuna aspettativa poiché sono una semplice ragazza come tante, che scrive.
eppure ho ottenuto dei risultati ed ora eccomi qui.
 
Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
In questo momento penso di star vivendo un sogno, uno che inizi a desiderare fin da piccola ma che nel mio caso si sta concretizzando.
 
Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Mia nonna a cui devo molto poiché sta seguendo con attenzione questo mio percorso.
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Sono molto felice che la tecnologia aiuti a “non far morire“ il mondo della lettura ma anzi fa in modo che i ragazzi si incuriosiscano maggiormente ad un libro.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2023 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)