Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

01 Lug
Vota questo articolo
(2 Voti)

Intervista all'autore - Giulia Maria Giordano -

Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere mi ha sempre aiutata tanto, ogni volta provo emozioni forti e dopo aver scritto mi sento una persona migliore e più libera.
Grazie alla scrittura sono riuscita a conoscermi meglio e ad abbattere diversi muri che mi ero costruita con gli anni.
 
Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
In questo libro c'è tanto della mia vita reale perché è tratto dalla vita della mia adorata nonna Angela.
 
Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Scrivere quest'opera è stato difficile perché il dolore per la perdita di mia nonna è immenso, e ogni volta che rileggevo il libro per correggerlo mi veniva sempre un senso di angoscia e tanta nostalgia.
Però ad oggi posso dire che scrivere questo libro mi ha aiutata a capire che mia jonna vive dentro di me e il suo ricordo non morirà mai.
 
La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stessa per deciderlo tra varie alternative?
La scelta del titolo è stata estremamente falice perché rispecchia perfettamente la storia che racconto all'interno del libro.
 
In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Porterei con me "Una questione privata" di Beppe Fenoglio perché è uno dei libri che ha contribuito alla mia crescita personale e ha migliorato la mia conoscenza sulla Seconda Guerra Mondiale e sulla Resistenza.
 
Ebook o cartaceo?
Preferisco di gran lunga il cartaceo come ho espresso diverse volte nelle interviste che mi sono state fatte, perché credo che toccare con mano ciò che stai leggendo da tutto un altro effetto.
 
Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittrice?
Durante il primo look down ho capito che scrivere mi aiuta a evadere dai problemi e dalla quotidianità che a volte diventa monotona, così ho deciso di prendere carta e penna per poter viaggiare con la mente in quel periodo particolare dove per proteggerci dal virus non potevamo uscire e da quel momento in poi non ho più smesso di scrivere.
 
Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Ho deciso di scrivere "Pugno fermo" quando mia nonna si è ammalata gravemente e in quel momento ho avuto paura che tutti i suoi racconti che tanto amavo svanissero con lei e così ho iniziato a scrivere il mio romanzo.
 
Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
È sempre un'emozione grandissima. Capisci finalmente che tutti i tuoi sforzi non sono vani e che quello per cui lavori può essere apprezzato dalla gente.
 
Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Mia madre, lei è sempre la prima persona che legge i miei romanzi.
Mi ha sempre incoraggiata e aiutata a realizzare il mio sogno di diventare una scrittrice e per questo le sarò eternamente grata.
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Penso che sia utile per chi viaggia molto.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


3 COMMENTI

  • Link al commento Francesca Scudiscio inviato da Francesca Scudiscio

    Cara Giulia, hai fatto una cosa bellissima hai raccontato la storia della tua meravigliosa nonna che io ho avuto l'onore e il piacere di conoscere, ma hai raccontato anche la storia di un periodo tremendo della storia dell'Italia e del nostro piccolo comune. Ho letto il libro tutto di un fiato, la storia di tua nonna è anche la storia di tante donne castelluccesi che dopo la fame, il dolore e la paura della guerra per il loro pugno fermo, hanno subito delle discriminazioni per il solo fatto di essere comuniste e libere di pensare mi hai fatto rivivere i racconti di mia madre che più ho meno ha vissuto situazioni analoghe. Grazie anche a nome di tutte loro. Ti voglio bene

    Sabato, 09 Luglio 2022 08:14
  • Link al commento Antonella inviato da Antonella

    Complimenti Giulia. Ho letto il libro....è bellissimo, emozionante e travolgente. Sei bravissima perché hai saputo raccontare un periodo molto triste della nostra storia con semplicità e sopratutto sei la nipote che ogni nonna vorrebbe avere. Continua così, arriverai lontano

    Mercoledì, 06 Luglio 2022 22:06
  • Link al commento Eleonora Palmira Giordano inviato da Eleonora Palmira Giordano

    Giulia Maria, sei bellissima non solo fuori ma anche tantissimo dentro.Non tralasciare questo grande dono di mettere a nudo la tua anima❤️Zia Ele

    Venerdì, 01 Luglio 2022 21:06

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)