Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Tony Orlando -

Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
In piena adolescenza ho capito che volevo scrivere e ho iniziato a farlo per un gruppo punk, ho incominciato a formare il mio stile e certamente tuttavia nel tempo e andato sempre cambiando.

 
Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Prediligo le ore notturne solo perché il silenzio mi fa da compagnia, ma non ho nessun problema a scrivere o appuntare in qualsivoglia momento.
 
Il suo autore contemporaneo preferito?
Spazio da Vito Mancuso ad Eraclito non per questo disdegno molti autori contemporanei e storici.
 
Perché è nata la sua opera?
Principalmente per lasciare una testimonianza scritta a mia figlia, che possa un giorno leggerle da adulta e semmai migliorarla.
 
Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Nessuno, qualunque contesto sociale che siano guerre o pandemie lo abbiamo visto spesso in letteratura, può dare sfogo ad ogni genere di creatività.
 
Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
In una mia poesia che non ho mai pubblicato, ho scritto: vivo nell’oceano a due passi dal centro. Si io scrivo del reale e di ciò che apparentemente non lo è.
 
Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Ciò che ho scritto evidenzia tutti i vari aspetti della mia vita, ogni poesia ogni dettaglio e un riferimento che ha accompagnato la mia vita.
 
C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
No.
 
A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
A nessuno.
 
Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
L’ebook è un’ottima proposta, certamente non un’alternativa valida al cartaceo ad accovacciarsi dentro le mie mani fuggendo dalle ombre d’ogni radura profonda fino alla spiaggia a contaminare di sale sguardi e giovani promesse.
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Mi piace, avrei anche il desiderio di entrare a far parte del mondo delle audiopoesie, mio sogno da sempre. E comunque anche questa non è un’alternativa valida alla poesia cartacea.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)