Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

29 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Caterina Boccardi -

Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittrice?
Caterina Boccardi romana, dove lavoro come istruttrice di nuoto sincronizzato e di nuoto. Ho iniziato a nuotare all’età di tre anni sotto lo sguardo vigile dei miei genitori. A sei anni entro a far parte del settore agonistico di nuoto e nuoto sincronizzato. Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione ho conseguito un Master in PNL (Programmazione neuro Linguistica). Ho sempre fatto della comunicazione uno stile di vita, comunicare è un bisogno primario, sia per l’uomo che per gli animali.
Lo sport è per me qualcosa di immenso un elisir della felicità, qualcosa di cui non potrei farne a meno, una passione: “quando nuoto non penso, mi rilasso”.
Quando non nuoto adoro scrivere. Ho iniziato da piccola prima con il diario dei segreti, poi spedivo ogni settimana lunghe lettere ai miei genitori, ad una zia per me importante e a me stessa con tanto di francobollo. Autrice del romanzo “E Quindi?!” edizioni Alter-Ego, dove per l’intera narrazione ci si trova immersi nell’acqua, sono uscita con il mio secondo romanzo “Verde Pallido” edizioni Scatole Parlanti dove riappare l’elemento acqua e questa estate con le mie nuove opere “Roma città chiusa”, edizioni Albatros delle riflessioni sul Covid e su come lei e gli italiani vivono questa guerra e “Realtà nascoste” edizioni Dialoghi. Una storia di resilienza, un dipinto dai tratti decisi, amari e allo stesso tempo colmi di speranza e vitalità.
Spazio dall’acqua, alla scrittura, alla recitazione passando per il teatro, la televisione e al cinema vivendo il tutto con entusiasmo e passione.

 
Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Quando ne sento il bisogno ma quasi sempre in tarda serata con il silenzio che mi avvolge e posso concentrarmi sulle mie sensazioni, i miei pensieri.
 
Il suo autore contemporaneo preferito?
Bukowski un poeta, scrittore spietato che mette tutto a nudo nero su bianco …il così detto realismo sporco, un autore sui generis adoro la sua sincerità, la sua franchezza.
 
Perché è nata la sua opera?
La mia opera “Aria Soffio” nasce da un’idea con il mio amico regista David Emmer per farne una performance e perché no un giorno poter farne un cortometraggio o una piece teatrale.
 
Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Direi molto, mi piace osservare tutto ciò che mi circonda, attingo dal passato solo per non dimenticare da dove vengo ma difficilmente guardo al futuro diciamo che vivo il qui ed ora …
 
Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Entrambe le cose, una passione che mi emoziona e mi porta a far conoscere ai lettori quelli che penso, quello che vivo e quello che sogno. Perché è grazie ai miei sogni che mi prefiggo degli obiettivi e la Vita ha tutto un altro colore! Senza passione non c’è vita… come si può amare se non c’è conversazione …
Ecco la penna, l’odore del foglio mi fanno sentire viva …
 
Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Nulla ma penso che tante persone non vivono ma sopravvivono forse proprio perché non riescono a sognare e si accontentano.
 
C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
No ma due persone a me care appunto David Emmer e Marco Giunio De Sanctis hanno stimolato il mio racconto!
 
A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Al mio amico Emmer.
 
Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Adoro la carta probabilmente sì ma spero resti la voglia per ognuno di noi si sfogliare una pagina di un libro sperando ci sia sempre qualcosa di più interessante da leggere.
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Non ci penso molto ma so che rappresenta ahimè il futuro … ma vuoi mettere una libreria colma di libri? Tutta un’altra cosa.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)