Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

22 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Federico Iannascoli

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Io sono nato a Sanremo, nella provincia di Imperia; in quella splendida regione che è la Liguria. Ma sono cresciuto nel paese accanto, Ospedaletti. Ho frequentato asilo, elementari e soprattutto medie, infatti proprio durante quei tre anni che ho iniziato a scrivere; piccole storie che consegnava alla mia insegnante di italiano. Piano piano, dentro di me, si insedio questa passione, questo desiderio e questa voglia di scrivere e di diventare proprio uno scrittore. L'amore semplice, seppure complessa, di inventare storie e il brivido che esisteva nel potere delle parole e delle frasi.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Sto leggendo, recentemente, un romanzo che racconta la storia di un uomo senza un braccio, che ogni tanto sente quell'arto fantasma prudergli e riesce a calmarlo solo disegnando. Questa simpatica metafora, voleva significare che il desiderio di scrivere viene a momenti: non scrivo sempre tutti i giorni o in momenti specifici, (mattino, pomeriggio, sera o di notte) soltanto quando avviene l'ispirazione; molte volte mi sono trovato a osservare un foglio vuoto senza trovare la forza di imprimere delle parole, ma sono esistiti moltissimi momenti dove, magari perché ho finito di leggere un romanzo o in un momento di calma e di riflessione oppure ho visto un film o un ritratto, giunge l'idea e il pensiero che sono gli attimi che precedono la scrittura; solo allora, come se fossi posseduto da un forza estranea, mi butto a capofitto a scrivere dove la mia mente immagina e le mani trasmettono
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Il mio autore preferito, di cui il libro che ho usato per fare una metafora poco fa è un suo romanzo, è Stephen King. Sono molti gli autori che ammiro e amo. Però King resta il mio preferito: il suo stile, la sua immaginazione e i messaggi che invoca nei libri che scrive sono pura ambrosia per i miei occhi.
 
4. Perché è nata la sua opera?
La mia opera nasce come tutti gli altri miei romanzi: la lotta contro le ingiustizie. I miei romanzi non possono essere semplicemente storie, devono avere un motivo in più. Ho la possibilità che questi racconti giungano a moltissime persone pertanto ho l'occasione e il dovere di mostrare a tutti i lettori la realtà della vita, infuocare i loro animi verso un atto di cambiamento
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Quando ero bambino e anche nell'età adolescenziale non ero molto popolare, non avevo granché di amici o storie d'amore, ero soltanto escluso, messo da parte dai miei coetanei; esperienze come questa ti rendono insicuro però, allo stesso tempo, nel momento giusto anche forte. Ora come ora, che sono cresciuto e sono passati molti anni questi ricordi mi hanno fortificato, mi hanno dato la forza di proseguire e con il potere della scrittura di parlarne a più persone possibili. La mia guerra contro ogni avversità: bullismo, femminicidio, violenza domestica, omertà, omofobia e altro ancora.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Penso che sia un po' di entrambi. I miei romanzi attingono da entrambe le parti: aiutano il lettore ad evadere dalla dura realtà con un racconto che ti porta a vivere delle avventure; allo stesso tempo, come una nebbia sottile, emerge la visione del mondo odierno, portandoti a riflettere.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Nei romanzi e in questo specialmente, si ritrova tutta la mia passione e tutta la mia forza di volontà. Chiunque lo leggerà noterà il mio impegno contro l'ingiustizia, e il mio più forte desiderio di un cambiamento. Potrebbe vedere persino il lato romantico che esiste in me, la passione che alberga nel mio corpo e la mia assoluta convinzione nell'amore.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Ovviamente. Scrivere per me, inizialmente, si soffermava a delle opere mai pubblicate. Fino a quando, circa due anni fa e mezzo, incontrai una splendida donna, che a pochi giorni dal nostro incontro divenne la mia attuale fidanzata; è stata lei a darmi la forza di pubblicare le mie opere, ed è sempre lei a spronarmi nella scrittura. Il potere dell'amore.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
La mia fidanzata, ripeto. Accanto a me leggeva ciò che scrivevo e quando esitavo, mi guardava, sorrideva e mi diceva: "è davvero bello". A me bastava questo per continuare.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Un tempo i libri cartacei vendevano moltissimo. Però ci trovavamo in un’era non digitale. I telefoni non esistevano e quando hanno iniziato ad esserci, erano cabine o telefoni fissi ma non smartphone, come ora. Adesso siamo nel pieno della tecnologia e penso che la scrittura debba evolversi come ha fatto il mondo.
Sebbene io sia vecchia scuola e amo la carta insieme all'idea di collezionismo.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
L'audiolibro è uno stimolante fantastico della scrittura. Riesce a dare una voce, un’intonazione a ciò che leggiamo, mentre i nostri occhi e la nostra mente non riescono, almeno non del tutto. Pertanto aiuta a stimolare la nostra fantasia e a immaginare meglio la storia che stiamo leggendo.
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)