Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

15 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Mimmo Esposito

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nato e ho vissuto gran parte della mia vita a Napoli. Da sempre appassionato di letteratura. Pertanto, mi ritengo soprattutto un lettore e questa passione mi ha condotto inevitabilmente sulla strada della scrittura.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
La sera è senza dubbio il momento che preferisco per dedicarmi alla scrittura. Mi consente di raccogliere in maniera più agevole la mia concentrazione e di immergermi totalmente nelle mie storie e nei meccanismi di narrazione.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
L'autore contemporaneo che preferisco è sicuramente Alessandro Baricco. Riesce a conciliare in maniera incredibile narrazione, ritmo ed eleganza della scrittura.
 
4. Perché è nata la sua opera?
La mia opera è nata da un evento di cronaca realmente accaduto. L'obiettivo è sensibilizzare e tenere fisso l'obiettivo sulla tematica della violenza sulle donne.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Il contesto in cui ho vissuto non ha avuto alcuna influenza sulla cifra stilistica del mio modo di scrivere. Questa circostanza l’ho sempre considerata un valore aggiunto: il non avere un tratto distintivo che mi possa delimitare.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Scrivere è sempre stato un modo per raccontare la realtà ed evidenziarne tutte le sfaccettature.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
In quello che scrivo c'è sempre molto poco di me essendo concentrato a creare un progetto seguito da un meccanismo che faccia da motore al romanzo.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Certamente. Ho una buona cerchia di collaboratori.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Ho un nutrito gruppo di lettura a cui sottopongo sempre in “esclusiva” ogni mio nuovo inedito.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Io amo il cartaceo. Tuttavia, l'ebook rappresenta attualmente un'alternativa più che valida. Pertanto, ben venga l'utilizzo di detto strumento per incrementare le vendite e la diffusione di opere narrative.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Anche l'alternativa dell'audiolibro costituisce un'interessantissima modalità di distribuzione e di vendita di lavori letterari.
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)