Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Piero Domenico Bloise

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono Piero Domenico Bloise nato a Cassano all'Ionio. Ho frequentato gli studi tecnici per Geometri poi passato all'informatica per finire al momento al Game Designer. Sono sempre stato appassionato da racconti Fantasy, Film, Anime Giapponesi e videogiochi che avevano comunque storie di tutto rispetto. Era un mio sogno da piccolo da quando avevo sette anni che provo a creare racconti o meglio dire favole di ogni genere.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Scrivo di solito la sera o se ho una buona idea per proseguire la creazione delle mie opere
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Licia Triosi e naturalmente Tolkien, poi mi piace molto Corrado Alvaro, Leonardo Sciascia.
 
4. Perché è nata la sua opera?
È nata per fare un nuovo tipo di scrittura più leggera è accessibile a tutti.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Il mio contesto sociale ha influito solo in parte non ero attratto dagli hobby o sport degli altri sono sempre stato controcorrente. Ho avuto la fortuna di avere avuto dei buoni insegnanti di lettere sia alle medie che alle superiori.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Scrivere per me, è un piacere non è un modo per sfuggire dalla realtà. Sono in realtà molto realista e so che molte cose non sono reali ma comunque tutto è possibile.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
C'é il mio pensiero in più una parte del mio carattere.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
No, è una mia opera personale che ho scritto nel tempo poi rivista e sintetizzata.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Mio zio, che ha letto solo in parte l'opera.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Io sono tradizionalista un libro deve essere cartaceo con tanto di libreria ma il mio è un gusto personale.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Può essere una soluzione molto positiva soprattutto per chi ha problemi di vista, o per chi vuole ascoltare senza leggere.
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 05 Agosto 2021 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)