Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

07 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Rosa Elisa La Rosa

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nata a Milazzo, in provincia di Messina, da madre toscana e padre siciliano. Ho un fratello maggiore di 3 anni. Dopo aver frequentato il Liceo Classico, mi sono iscritta all'università di Firenze in Lingue e Letterature straniere moderne, laureandomi nel 1983. Ho un bellissimo ricordo degli anni fiorentini, anche perché ho cominciato lì il mio lavoro di accompagnatrice turistica. Ho sempre amato la lettura e la scrittura: al Liceo ho vinto il 1° premio in un concorso di narrativa. Ho cominciato a scrivere poesie da adolescente, sull'onda dei miei umori amorosi. Ho cominciato a scrivere poesie dialettali da 'grande'.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
La sera o la notte.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Andrea Camilleri.
 
4. Perché è nata la sua opera?
Perché volevo partecipare agli altri i miei sentimenti, le mie idee, ciò che vedevano i miei occhi.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Moltissimo: papà amava molto la storia e la letteratura, e mamma scriveva poesie e racconti. La mia famiglia, pur se modesta, si poteva definire una famiglia 'intellettuale', ma non un intellettualismo a sé stante, bensì ben radicato nella realtà sociale e lavorativa dell'epoca. I miei genitori, infatti, si sono sempre battuti per far ottenere diritti sociali e civili ai più emarginati.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Entrambe le cose. Ci sono momenti in cui la fantasia prende il sopravvento sulla realtà, e momenti invece in cui si sente il bisogno di raccontarla, bella o brutta che sia, per lasciarne testimonianza.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Tutto: ci sono i miei sentimenti, e quelli sono l'essenza di una persona.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Mio figlio Vladimir: è lui che ha curato la prima stesura 'casalinga' del libro.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Prima leggevo le mie poesie a mia madre: ci tenevo al suo giudizio di poetessa. Ora che lei non c'è più, condivido i miei scritti con mio figlio.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Sicuramente il futuro è dei giovani, e secondo me loro sono più orientati verso l'ebook, anche se noto ancora un certo amore per il libro cartaceo.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
È certamente un modo più 'comodo' di acquisire un libro (forse più pigro?). Io rimango attaccata al cartaceo, perché toccare un libro con mano, sentirne l'odore, seguire con gli occhi i caratteri che scorrono sulla pagina... non hanno eguali.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 07 Maggio 2021 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)