Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

20 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Gian Francesco Camoni

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Mi chiamo Gian Francesco Camoni, ho 67 anni e sono a nato a Pistoia dove attualmente risiedo. Sono un ingegnere elettronico da qualche anno in pensione. Sposato con Licia e ho due figlie anch’esse maritate e un figlio che per il momento convive con la sua compagna. Ho pensato di diventare scrittore a seguito di una curiosa circostanza. Nel dicembre del 2012 una delle figlie, piuttosto impressionata, mi portò a far vedere una foto, che aveva scattato nel suo appartamento, dove compariva una misteriosa quanto inquietante mano monca appoggiata sulla spalla del marito.

Come un esperto ha successivamente spiegato, si trattava solo di un singolare effetto di sovrapposizione d’immagine avvenuto nella memoria digitale della macchina. Spinto da mia moglie, provai a imbastire un breve romanzo giallo intitolato “La mano”, che prendeva spunto da questo fatto, che scrissi nel giro di una ventina di giorni e successivamente feci stampare. Ho dedicato il libro a Stefano Turchi, nipote di mia moglie ed ex calciatore che nel 2005 ha contratto la sclerosi laterale amiotrofica. L’idea e il libro piacquero a Stefano che ne ha distribuite diverse centinaia di copie alle persone che sostengono la Onlus da lui creata per aiutare le persone invalidate da questa malattia. La facilità che avevo nello scrivere e inventare le situazioni ed i personaggi mi ha convinto a riprovarci pochi mesi dopo e da allora non ho più smesso. In conclusione ad oggi ha già stampato dieci romanzi, tutti del genere thriller “giallo”.

 

2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Nell'arco della giornata, il mio impegno principale consiste nell'aiutare mia moglie Licia a sbrigare le faccende domestiche e a dare una mano alle figlie accompagnando e riprendendo i nipotini dall’asilo e da scuola. Non manco di disputare un’ora di tennis la domenica mattina, anche se al momento, l’epidemia, dovuta al Covid 19, ha costretto il circolo a interrompere l'attività sportiva. Se si aggiunge, che non sono un appassionato di musica e di conseguenza strimpello a lungo la mia tastiera elettronica, con buona pace per le orecchie di Licia, normalmente, dedico alla scrittura solamente un’ora dopo pranzo e altrettanto tempo prima di andare a letto.


 

3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Non ho un autore contemporaneo che prediligo e in genere le mie letture preferite, a parte le riviste di divulgazione scientifica, sono, ovviamente, i romanzi gialli dalla cui lettura traggo spesso spunti per i miei libri.


 

4. Perché è nata la sua opera?
Scrivere, da un iniziale passatempo, si è trasformato in una vera passione. Provo una grande soddisfazione a descrivere il carattere dei personaggi evidenziando pregi e difetti e a immaginare i luoghi delle azioni. È soprattutto la trama, però, che mi affascina raccontare. Cerco di depistare il lettore dalla soluzione, spargendo falsi indizi e descrivendo situazioni ingannevoli. È come se ogni volta sfidassi chi legge a capire chi è il colpevole non prima dell’ultima pagina.


 

5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Credo poco, anche se, poter condurre una vita tranquilla dal punto di vista affettivo ed economico, avere intorno persone che mi aiutano e sono sempre pronte a dare un consiglio o un’idea da sviluppare, mi ha aiutato molto a formarmi in questa attività.


 

6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Nei miei libri cerco di romanzare la realtà perché bastano i telegiornali per raccontarci quella raccapricciante e purtroppo vera che insanguina quasi tutti i nostri giorni.

Il mio impegno è fare delle evidenti forzature, descrivere situazioni al limite, per dare sempre al lettore la possibilità di credere che quello che sta leggendo sia pura opera di fantasia.

 

7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Non nascondo di essere un po’ presuntuoso, per cui tendo a esprimere un giudizio sui temi sociali che tratto, mescolandoli alla trama vera e propria. La violenza sulle donne, i rapporti coniugali, le tendenze sessuali sono argomenti scottanti sui quali ognuno ha, ovviamente, un suo parere personale. Senza voler influenzare il lettore, tengo a dare anche il mio nascondendolo nelle affermazioni dei miei personaggi.


 

8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Sicuramente mia moglie quando mi ha convinto a scrivere il primo libro. “Mi hai sempre detto che ti sarebbe piaciuto scrivere un romanzo” mi disse. “Perché non provi?” Posso inoltre sempre contare sul suo aiuto anche nei momenti nei quali mi sembra di non avere più idee o cancello per l’ennesima volta un capitolo che non mi piace ripromettendomi di smettere di scrivere e dedicarmi alle parole crociate.


 

9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
A mia sorella che ha corretto tutti i romanzi sia dal punto grammaticale che da quello dell’organizzazione e della fluidità della trama. È un’accanita lettrice, conosce bene l’italiano per il lavoro che ha svolto e non mi risparmia critiche, d'altronde sempre costruttive. La mia istruzione prettamente scientifica mi aveva fatto dimenticare il buon italiano e quindi, dopo la prima correzione piena zeppa di sottolineature rosse, ho dovuto, con molta umiltà, rileggermi tutta la grammatica.


 

10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
L’ebook sarà la nuova forma di scrittura del futuro, anche se, come sempre, occorre fare delle precisazioni. I costi ancora non competitivi del lettore elettronico, la diffusione scarsamente capillare dei testi digitali e la naturale preferenza di molti lettori a sfogliare le pagine sentendo il peso fisico del libro tra le mani, renderà lenta la diffusione degli ebook che, comunque, sostituiranno presto il testo cartaceo.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Sicuramente un’alternativa interessante, al momento indirizzata soprattutto a coloro che presentano alcune disabilità e a coloro a cui... costa fatica leggere!

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)