Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Nicolò Gabbioneta

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Mi piace inventare storie fantastiche, quando non so cosa fare mi metto davanti al computer e scrivo.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Molti personaggi si comportano come se fossero dei bambini che conosco.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Ho inventato una storia assieme a mio papà: ogni volta che avevamo tempo ci mettevamo a scriverla, a volte eravamo d'accordo, altre volte discutevamo molto, sulle parole e sulla storia. Alla fine siamo riusciti a finire il libro e da quel momento ho continuato a scrivere per conto mio, perché ormai sono capace.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
A un certo punto è arrivato il titolo giusto ed è piaciuto a tutti e due.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Io sicuramente Geronimo Stilton, il mio primo amore, ma ora leggo un po' di tutto, mio papà Jack London, Heinlein, Asimov, Illich.
 
6. Ebook o cartaceo?
Che cos'è l'ebook? A me piacciono i libri veri!
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Da sempre ascolto le storie raccontate dal papà e da quando ho imparato a parlare anch'io, invento storie; prima le disegnavo, poi le dettavo ai miei genitori, alla fine ho cominciato a scriverle aiutato dal papà e ora lo faccio da solo, tutte le vote che mi viene voglia.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Forse dalla storie della buona notte, ma soprattutto dalle mie invenzioni; mentre scrivevamo mio papà voleva sempre rileggere ma io avevo tutto in mente e mi ricordavo tutto senza bisogno di leggere ogni volta, anche se lui non capiva come facevo.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
E' bellissimo. la prima parte del libro l'avevo stampata io e regalata ad alcuni amici e ai miei maestri, così l'abbiamo letta in classe. Da grande potrei anche fare lo scrittore.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Mia mamma l'ha letto per prima, poi l'ha letto a mia sorella.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Mi piace ascoltare gli audiolibri quando vado in macchina, anche se non li trovo mai...
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)