Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Maria Pizzuoli

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nata a Siracusa, l'antica città della Magna Grecia divenuta importante quanto Atene. Là sono cresciuta, là ho studiato fino alla giovinezza, poi mi sono trasferita a Mestre dove ho insegnato.
Non so in che modo, ma ho imparato a leggere a tre anni, da sola, poi le suore della scuola materna mi insegnarono a scrivere.
Ho cominciato a scrivere a sette anni. Prima erano diari, poi favole e infine scrissi una commedia che feci recitare al gruppo delle mie compagne di gioco. Fu un grande successo e decisi di continuare a scrivere. Era per me un divertimento, un piacere che mi spronava a continuare e così avvenne.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Qualche volta nel pomeriggio, ma più spesso la sera e la notte.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Sono due gli autori che preferisco: Alice Munro e Zigmunt Bauman
 
4. Perché è nata la sua opera?
Mi ha ispirato Bauman perché parlava della postmodernità che non avevo seguito.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
In questi ultimi tempi così difficili il contesto sociale in cui vivo ha cambiato la mia formazione che prima era rivolta a ricordi personali o a fantasie, mentre ora si volge alla realtà di ogni giorno dal momento che le cose mutano così velocemente.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Ambedue le cose. I personaggi e la loro vita riguardano la fantasia, ma il tempo in cui vivono diviene un modo di raccontare la realtà.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
C'è molto di quello che vedo, di quello che temo, di quello che vorrei che cambiasse.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Sì, la ricerca dell'amore che alla fine si raggiunge sempre nella conclusione del racconto.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Per il momento non l'ho fatto leggere a nessuno, ma lo farò leggere alle mie nipoti.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
No, secondo me vivranno insieme libro ed ebook.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Anni fa, ricordo che registravo libri per le persone cieche e lo facevo volentieri perché permettevo di leggere a chi non poteva farlo.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)