Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

30 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Francesca Sechi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Mi presento, mi chiamo Francesca, sono italiana e vivo a Reggio Calabria. Scrivere è una delle passioni che ho sempre avuto. Mi piace pensare che attraverso il testo puoi sprigionare la tua fantasia e rappresentare emozioni, sensazioni, i nostri ricordi, la nostra esperienza. Dunque mettere su carta in particolar modo forme poetiche ed espressioni particolari che possono dar luce ad una creazione bellissima. Dove è il nostro estro e fantasia a dar luogo a tutto ciò. Inoltre l'idea di scrivere questo testo è nata dall'idea di creare un genere particolare dove la protagonista vive tra il sogno e la realtà. Dunque vi sono diverse scene che rappresentano il sogno, flashback,"moment of intensity" o forme di rivelazioni, che vogliono rappresentare una dimensione particolare.
L'idea di un amore follemente passionale mi affascina. Ed inoltre l'idea di scrivere è nata anche dal sogno di realizzare un film. Che appunto rappresenti queste scene e questa dimensione particolare del tempo.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Non ho un tempo prestabilito, mi dedico alla scrittura durante il giorno o la sera.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Mi piace particolarmente Shakespeare o Virginia Woolf, in quanto penso che essa sappia rappresentare attraverso il testo una vena poetica. Dove parla di estro, creatività e fantasia, con la quale si interroga sul tempo, sulla vita, l'arte in genere.
 
4. Perché è nata la sua opera?
La mia opera è nata dall'idea di realizzare un film con un genere particolare. Dove appunto vi è la rappresentazione di dimensioni particolari che la protagonista vive. In particolar modo dove vengono rappresentati flashback o viaggi nel tempo ed il sogno.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Ha influito in quanto molto spesso ho preso spunto da momenti di vita, relazioni, ed esperienze.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Direi che è un modo per evadere dalla realtà attraverso la fantasia.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Diciamo che alcuni dei personaggi rappresentano il mio modo di essere, passionale e sognatrice.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
No.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Feci leggere il testo alle mie sorelle, in quanto le definisco le mie migliori amiche.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Potrebbe essere un’idea interessante.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Potrebbe essere un’idea interessante.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 30 Maggio 2020 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)