Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Apr
Vota questo articolo
(7 Voti)

Intervista all'autore - Biagio Furio

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Quando sono preso dalla scrittura, sono attratto da una parola o da un evento o da un episodio allora cerco di sprigionare le parole adatte affinché l'interlocutore possa sentire il trasporto dei sentimenti intrinsechi delle mie emozioni che mi prendono profondamente, dandomi la carica che mi spinge a descrivere ciò che sto per rappresentare in quel momento, ovviamente lasciando alla libera interpretazione il lettore tra il faceto e la realtà .
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Credo che nei meandri e le pieghe degli aneddoti di questo libro il Cavaliere senza macchia ovvero BREUS, rappresenti molto di me a latere nella retrospettiva della vita vissuta e degli accadimenti raccontati. L’inspirazione mi è venuta sull'Appennino Tosco Emiliano. Ero lì per motivi di lavoro, trovandomi in un contesto in cui le persone più importanti della mia vita erano lontane da me. L'idea di scrivere avvenne proprio mentre ero lontano dagli affetti familiari, quando tornando indietro con la mente, mi venne questa euforia di trascrivere ciò che mi stava attanagliando nel silenzio dove mi trovavo.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Scrivere quest’opera è stato davvero importante per me. È stato, come dire, la mia piccola battaglia. Durante la stesura del romanzo poiché ero a lavoro la mattina, nel pomeriggio guardando la TV da una frase di un programma mi venne in mente di esercitarmi nuovamente nei racconti
Cosi giorno per giorno, i pensieri affollavano la mia mente e sentivo il bisogno di descrivere le mie emozioni, i miei sentimenti, le mie solitudini e i miei sacrifici e tutto ciò che mi faceva emozionare. Divenne un obiettivo che mai avrei pensato, che mi facesse giungere alla sua terminazione. E stato per me fonte di orgoglio e soddisfazione.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
La scelta del titolo non è stata particolarmente difficile. Inizialmente ne avevo scelto uno differente, ma poi durante le riletture dei vari capitoli nelle loro sfaccettature anche di correzione delle frasi, finalmente ho scelto il titolo che rappresentava davvero l’intera storia
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Socrate in tutte le sue interpretazioni. Mai come oggi c’è bisogno di parlare d'istruzione, formazione, educazione. E mai come oggi il tema è tanto chiacchierato quanto eluso nelle piazze istituzionali e d'informazione, nel confronto pubblico. E poi il grande, Seneca, perché mi ha sempre affascinato molto intensamente, gli insegnamenti, che esercitarono su di lui un profondo influsso sia con la parola sia con l'esempio di una vita vissuta in coerenza con gli ideali professati, Le lettere di Seneca a Lucillo mi affascinano piche sembrano talmente vicine a noi , che leggendole sembra che sono di ieri o di oggi nelle loro riflessioni che sanno di una grande saggezza morale etica e di altruismo. Sembrano che vogliono essere uno strumento di crescita morale.
 
6. Ebook o cartaceo?
In un contesto di continua evoluzione come quello che stiamo vivendo nella sfera della tecnologia, va bene in tutte e due i modi ma se dovessi scegliere, cartaceo tutta la vita.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Scrivere è sempre stata una mia passione. Fin da piccolo scrivevo storie per i miei amici, e quando avevo venti anni, ho scritto una commedia intitolata UN MONDO VECCHIO ED UNO GIOVANE. Non ho mai scelto di diventare scrittore. È una cosa che ho sempre sognato, ma in cui non credevo quasi più. Sicuramente sappiamo che nei meandri dell'Editoria se credono in te potrai esprimere tutta la gratitudine e il riconoscimento della platea dei lettori. Con questa casa editrice BOOKSPRINT EDIZIONI, credo di poter riuscirvi. Spero che ciò avvenga ringraziando anticipatamente sia l'Editore Pacelli che tutto il suo Staff.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
L’idea di questo libro è nata nel 1985, anche se covava dentro di me ancor prima di poter esternare ciò che ho scritto. Non ho mai scelto di diventare scrittore. È una cosa che ho sempre sognato, ma in cui non credevo quasi più. Ho sempre pensato che spesso le opere di maggior rilievo nascono purtroppo dal dolore, e credo che sia stata proprio la solitudine avvertita nel momento in cui ho sentito la lontananza dalla mia famiglia che ho sprigionato ciò che avevo dentro con la consapevolezza che rimanesse un sogno nel cassetto
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Vedere il mio lavoro prendere corpo e diventare un libro è una sensazione bellissima, un sogno diventato realtà, il premio per il mio duro lavoro. Ovviamente sono sempre con i piedi per terra, nella speranza che possa emozionare coloro i quali crederanno in me non come persona in quanto tale, ma come scrittore e poeta per rendere per un verso un po' di gioia a quelli che si approcceranno a leggere la mia storia. Penso che riuscire a trasmettere più emozioni in un contesto come quello che stiamo attraversando, sia per me una cosa meravigliosa soprattutto quando i tuoi interlocutori riconoscono il valore di quello che fai.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Mia moglie e mio figlio sono stati i primi che hanno letto il mio libro, aiutandomi a correggere i piccoli errori che spesso non riuscivo a notare.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Credo che l’audio libro sia una frontiera innovativa e assolutamente positiva nel campo dell’editoria. Una volta c'era un servizio telefonico che digitando un numero si potevano ascoltare le fiabe o piccoli racconti da poter far ascoltare ai bambini o ai non vedenti. Ovviamente erano raccontati con la voce di noti attori italiani. Posso dire quindi che le case editrici dovrebbero investire un po’ di più su questi servizi.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


7 COMMENTI

  • Link al commento Giuseppe Antonio inviato da Giuseppe Antonio

    In questo romanzo, dal ritmo trascinante ed avvincente, l'autore nel descrivere i sentimenti, le riflessioni, le azioni del cavaliere senza macchia, ovvero Breus (protagonista di una delle opere del Pascoli) mette in risalto la nuda e cruda realtà della vita tra raccomandazioni, prevaricazioni e sotterfugi che ancora oggi ci attanagliano. Complimenti.

    Domenica, 17 Maggio 2020 16:08
  • Link al commento Pietro inviato da Pietro

    Sono sicuro che è un libro davvero interessante, anche se ancora non ho avuto modo di leggerlo, ma ben presto lo farò... Complimenti, ma mi raccomando non fermarti qui, continua a scrivere ????

    Mercoledì, 13 Maggio 2020 21:02
  • Link al commento Maria inviato da Maria

    Ancora non ho avuto modo di leggere il libro, ma spero di farlo quanto prima...
    Sono certa che sarà un bellissimo romanzo, d'altronde, da una persona/autore come te, non c'è da aspettarsi il contrario.
    Ti auguro il meglio, perché te lo meriti,sia come persona, che come scrittore.
    Un caloroso abbraccio!

    Martedì, 12 Maggio 2020 10:24
  • Link al commento M. Assunta Piscione su fb (Ramaela Angeles) inviato da M. Assunta Piscione su fb (Ramaela Angeles)

    Spero presto di poter leggere il tuo libro, sono certa che farà bene alla mia anima strizzata dai vari dispiaceri affrontati, sarà un vero elisir. Ho avuto la grande fortuna di conoscerti e già allora il tuo parlare mi placava e mi dava serenità. Ricordo quel periodo lavorativo con molta nostalgia e anche se siamo impossibilitati a vederci abbiamo mantenuto i contatti, una grande amicizia per la vita. Spero un giorno di poterci rivedete. Sono fieta di averti conosciuto, complimenti petr il tuo libro e un caro saluto a te e alla tua tanto amata famiglia a cui auguro tutto il bene possibile con tutto il mio cuore.❤

    Venerdì, 10 Aprile 2020 02:43
  • Link al commento Luigi Cimino inviato da Luigi Cimino

    Non sapevo di questa storia di "vita nuova" del giovane editore Vito Pacelli, l'ho ascoltata per la prima volta poco fa e devo dire che per me rappresenta un motivo in più per pensare di aderire alla sua proposta editoriale con le bozze del mio libro di poesie "Libellule" del quale ho avuto una copia omaggio qualche ora fa e per il quale manifesterò la mia volontà di pubblicarlo appena dopo Pasqua..
    Mi inorgoglisce soprattutto la possibilità di collaborare con un giovane che si è fatto da sé e che come me, partito da zero da un piccolo paese di montagna del Matese, ormai arrivato alla soglia della vecchiaia, ha acquisito la voglia e la speranza di poter ancora collaborare a rinnovare la società che ci ospita, proprio come Vito che ha abbandonato la droga per rinascere e offrire a tutti nuove opportunità. Intanto Buona Pasqua.

    Giovedì, 09 Aprile 2020 18:36
  • Link al commento Crescenzo inviato da Crescenzo

    Complimenti Biagio
    Sono certo sarà solo il primo di tanti altri componimenti, ti conosco, hai ancora tanto da raccontare.
    Bravo!
    In bocca al lupo

    Mercoledì, 08 Aprile 2020 23:57
  • Link al commento Domenico Tunisino inviato da Domenico Tunisino

    Attendo con pazienza di poter leggere il Suo libro, Signor Furio.
    Anche questa intervista ha stuzzicato la mia curiosità.
    Da quanto letto, è sempre stato il Suo sogno poter scrivere un libro e mi da speranze sapere che i sogni possono realizzarsi.
    Complimenti.

    Mercoledì, 08 Aprile 2020 19:14

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)