Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

23 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Elisabetta Graber

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere, per me, è quasi un bisogno. Nell'arco della giornata capita che qualcosa, qualcuno, oppure una frase o una persona, mi colpisce a tal punto che nella mia mente inizia a prendere forma una storia e non vedo l'ora di mettere giù nero su bianco, rileggere il tutto ed emozionarmi con i miei personaggi.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Qualcosina.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
È stata la realizzazione di un qualcosa che era dentro di me da tanto. Al personaggio di Allyson rimarrò sempre legata perché sono cresciuta e maturata con lei.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
No è stato quasi spontaneo.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Una collana di libri che mi è piaciuta molto è quella di Jamie McGuire, Beautiful disaster, perché sembra quasi di essere lì con tutti i personaggi, ridere e soffrire con loro e questa, a mio avviso, è una delle principali capacità che deve avere uno scrittore.
 
6. Ebook o cartaceo?
Cartaceo assolutamente.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Ho capito di voler fare lo scrittore quando ho letto “After” di Anna Todd. Anche io ho desiderato che i miei lettori rimanessero rapiti dalla storia a tal punto da sentirsi persi una volta terminata.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
È nato tutto per gioco. Avendo avuto sempre molta fantasia mio padre mi suggerì di mettere tutto su carta e così che ho iniziato e non mi sono più fermata.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
È una bellissima sensazione. Ti senti soddisfatto e orgoglioso di te stesso.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
La mia migliore amica.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Ne so poco a riguardo, sono sincera.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)