Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Ylenia Nicolosi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Cosa dire. Mi reputo una persona semplice con dei valori importanti. Credo nell'Amore e non riesco a concepire il fatto che ai giorni nostri si siano persi di vista ideali importanti come l'amicizia, l'amore, il rispetto e la fratellanza. Sono una ragazza di 37 anni, che ha vissuto una vita diciamo non semplicissima, abito in un paesino in provincia di Messina ed amo tanto la mia terra, a discapito di ciò che si dice la Sicilia è meravigliosa. Fin da piccola ho scritto quello che mi passava per la mente, pensieri, poesie. Scrivere questo libro non è stata una decisione razionale credo sia stata la mia anima a spingermi a farlo.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Non c'è un momento specifico della giornata in cui mi metto a scrivere, anche perché quando decido di farlo il foglio rimane bianco, non viene fuori nulla. Semplicemente nel momento in cui le idee arrivano io corro a scriverle ed è così che vengono fuori bei pensieri.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Doverne scegliere uno dico Andrea Camilleri. Una delle sue tante frasi che mi ha colpito è quella in cui diceva: "Bisogna guardare la tv portandosi appresso un paracqua ideale che permetta al nostro cervello di restare asciutto e lucido, di non inzupparsi di tutte le informazioni distorte, contraffatte, alterate, finalizzate che ci vengono propinate". Credo avesse ragione perché non essendo in grado di discernere il vero dal falso, crediamo a tutto ciò che vogliono farci credere, senza neanche farci delle domande.
 
4. Perché è nata la sua opera?
Questo libro è nato più che altro per far arrivare a chi lo leggerà la consapevolezza che ciò che conta davvero in questo tragitto è l'amore, tutto passa a mio avviso, solo l'amore che siamo in grado di donare agli altri rimane.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Credo che il contesto sociale abbia influito tanto, perché ciò che esprimo nel libro sono idee differenti da ciò che la società ci insegna oggi giorno, infatti tento di mettere in luce dei veri ideali e comunque so a priori che tanta gente non comprenderà ciò che scrivo ma io ci provo ugualmente.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Allora, scrivere per me è sì un'evasione dalla realtà, in senso che quando lo faccio sto bene, mi sento come se fossi in un'altra dimensione. Ma nello stesso tempo racconto la realtà vista da me. In senso che se solo aprissimo davvero gli occhi potrebbe diventare una magnifica realtà e no quella che è al momento. Non so se ho reso l'idea, come dice sempre un caro amico mio, delle volte mi incarto nell'esprimermi.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
C'è tutto di me in ciò che ho scritto. Tutto!!!
 
8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Sì, il libro è nato grazie ad una persona. Il grande e unico Amore della mia vita.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
È stata la mia mamma a leggere per prima i miei pensieri.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Credo che l'ebook sia una bellissima e utilissima invenzione, ma se devo dire la mia, ciò non riesce a sostituire la bella sensazione che provo nel tenere un libro fra le mani.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Mi piace l'idea dell'audiolibro perché oltre che può dare bellissime sensazioni ascoltare un testo narrato bene, può soprattutto essere utile a chi magari non è in grado di poter leggere. Quindi lo reputo una bella invenzione.
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 18 Ottobre 2019 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)