Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Francesca Luce


1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nata e cresciuta?
Sono nata in un piccolo e caratteristico paesino di 1000 abitanti della Puglia in provincia di Bari di nome Binetto, ho vissuto lì per pochi anni e poi con la mia famiglia ci trasferimmo a Cassano delle Murge (BA) in una casa di famiglia molto grande e con un grande giardino, lì mio padre e mia madre hanno trasmesso a me, mia sorella e mio fratello tutto l'amore per la natura per la musica e l'arte. Mio padre lavorava in un cementificio come capo operaio e la sera spesso suonava la fisarmonica e mia madre sarta e casalinga spesso scriveva poesie.
In tarda età ha scritto un libro intitolato "La voce dell'anima ". Infatti da piccola amo cantare, scrivere e dipingere. A nove anni ci trasferimmo nuovamente per il lavoro di mio padre a Modugno un altro paese molto grande vicino Bari ma ci furono molti cambiamenti che destabilizzarono la serenità della mia crescita. A 14 anni cominciai a scrivere riflessioni in una piccola raccolta chiamata "Il Punto" con quesiti sull'esistenza poi lo trasformai in "La Microbata". L'individuo al femminile microbo nell'universo ma acrobata nella sua esistenza a sfondo autobiografico. Nel 1974 ho frequentato il liceo Artistico di Bari vivendo a pieno le lotte studentesche, gli anni ‘70 la musica rock e tutte le lotte per l'emancipazione della donna ecc. A 22 anni vivendo in una realtà troppo stretta per i miei sogni di cantante e scrittrice lottando contro la famiglia che si opponeva a volte alla mia libertà, riuscii comunque in accordo a partecipare ad un provino alla Rai di Roma e lavorai per Fantastico 5,6,7, quindi scelsi di rimanere a Roma ed ebbi la fortuna di conoscere Lucia Bastianello, la bassista di una band in cui cantai di nome Marbre Noir che allora ebbe un discreto successo in quanto fummo tra i primi pionieri della musica new wave e dark in Italia e inoltre prodotti dalla Mantra records con distribuzione RCA. Dopo 5 anni di concerti e un bel disco.... nell'89 il gruppo si sciolse e conobbi un bellissimo ragazzo di nome Giovanni De Martino e mi sposai nel 1990. Da questo breve matrimonio che si concluse successivamente con un divorzio per incomprensioni varie… sono nati 2 stupendi figli Marco attualmente informatico 25 anni, e Arianna disegnatrice fumettista 24 anni. Insieme condividiamo diverse passioni. Ho lavorato per 27 anni nel settore immobiliare e al momento canto in una formazione gotica e folk metal di nome "Porpora" e dopo aver realizzato questa raccolta di versi "Ossidazioni emotive" ho scritto la sceneggiatura per un film di nome "Ninfa". Attualmente in graduatoria presso il Ministero dei beni culturali ho cominciato ad abbozzare un nuovo racconto descrittivo a sfondo autobiografico e continuo a scrivere versi quando posso.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Io consiglierei un libro di avventure che aiuti a sognare a riflettere e a proiettarsi nel futuro attraverso le esperienze perché oggi viviamo in un mondo in cui tutto è schematizzato dalla tecnologia e dominato dal materialismo e consumismo ed i ragazzi dovrebbero essere indirizzati maggiormente verso il ritorno alla lettura, alla riflessione e all'emozionarsi attraverso le parole che ci aiutano a comprendere a crescere e a rivedere in esse noi stessi.
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Ovviamente con l'avvento di internet sono cambiati i metodi di apprendimento e di lettura negli ultimi anni come appunto con l'innovativo ebook per il quale sono state modificate anche le procedure di acquisto e di consultazione. Comunque penso che l'ebook sia un ottimo metodo di lettura anche se personalmente amo sempre anche i vecchi libri in cartaceo dall'odore di carta stampata con la belle copertine.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Secondo me la scrittura è sia un colpo di fulmine che un amore ponderato, dipende dai momenti ma soprattutto è un bisogno espressivo... una lavagna su cui poter urlare, gioire argomentare emozioni, momenti, impressioni, osservazioni... un fantomatico amico immaginario a cui raccontare con parole diverse e ricercate i significati reconditi del nostro vissuto sentire.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
I miei percorsi non sono stati molto facili. Tranne l'infanzia ho lottato sempre e sempre per la libertà, contro il pregiudizio, le mentalità retrograde, contro l'oppressione, la sopraffazione, la prepotenza, la prevaricazione l'ingiustizia ed avendo avuto anche amori difficili... tutto ciò mi ha indotto alla riflessione e a voler annotare le emozioni che provo al momento scrivendo e non solo nella sofferenza o rabbia ma anche quando gioisco ed in questo libro sono descritti anche momenti molto felici come l'amare e la nascita dei miei due figli
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Il messaggio principale è cercare di essere sempre se stessi, vivendo a pieno le emozioni attraverso le esperienze e non annullarsi per nessuna ragione al mondo.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Ho sempre amato scrivere sin da piccola in quanto affascinata dalla passione di mia madre per la scrittura e dalla sua descrittività… lei avrebbe voluto studiare ed essere maestra... io soffrivo con lei per questa suo obbiettivo mancato e mi ribellavo alla sua aria di rassegnazione... A 14 anni cominciai per gioco a comporre poesie, poi canzoni, ed osservazioni continuando nel tempo fino ad oggi… questo libro, con una sceneggiatura e l'inizio di un racconto che vorrei portare a termine.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Sì, io scrivo spesso di sera quando c'è più quiete e posso assentarmi dal mondo immergendomi nella sfera dei ricordi o degli emozionanti argomenti che mi spingono a scrivere e ricordo appunto che mentre osservavo i miei due figlioletti piccoli che dormivano come angeli fui colta da una voglia irrefrenabile di scrivere e dedicai loro le due poesie che sono all'interno del libro.
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
No, è stato il mio obbiettivo di sempre... come accennavo lo chiamai inizialmente da piccola "Il Punto" poi lo modificai in "La Microbata" ed infine dopo una ricca rivisitazione del tutto l'ho terminato chiamandolo “Ossidazioni Emotive” in quanto le nostre emozioni si ossidano nella nostra mente generando altri tipi di emozioni.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Charles Baudelaire.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
È, senz'altro un'idea innovativa che cambia i soliti schemi rappresentativi e sconvolge le vecchie dinamiche di lettura. Comunque penso sia un'ottima modalità di comunicazione e percezione dell'informazione anche se secondo me andrebbe comunque integrata con dei libri in cartaceo per immolarne le memorie più significative e rappresentative.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 18 Settembre 2019 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)