Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

25 Lug
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Alan Petris

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Per me scrivere è importante quanto respirare, mi sta aiutando molto in questo periodo della mia vita.
Ho qualche problema di salute e scrivere mi fa esprimere molte emozioni che ho dentro, ogni volta che finisco una poesia ho la sensazione che le mie emozioni hanno preso vita e i ricordi brutti si allontanino. Vorrei emozionare o semplicemente far riflettere il lettore sulla vita.
In questo libro di poesie “Ricomincio da me” può trovare un insieme di emozioni: dall’amore perduto alla paura di perdere un famigliare o un problema di salute proprio, tutte sensazioni che ognuno di noi ha provato e proverà nella vita, perché in fondo tutti noi possiamo immedesimarci e avere empatia su qualcosa che ha abbiamo provato.

2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Questo libro è la mia vita e non mi vergogno di dire che avevo bisogno di questo per ricominciare a vivere di nuovo.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Servirebbe scrivere un altro libro per riassumere il significato di quest'opera, scherzi a parte, mi ha fatto vedere le cose che mi sono accadute in una prospettiva diversa, sono maturato assieme alle poesie.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
La scelta è stata spontanea e logica ma per il sottotitolo ho avuto qualche difficoltà, ricordo mia madre che appena le ho detto che dovevo inserire un sottotitolo perché esisteva già "Ricomincio da me" ha iniziato a scrivere ed aiutarmi telefonandomi anche a mezzanotte proponendo le sue idee, è stato stressante ma allo stesso tempo mi ha fatto sorridere ed emozionare perché sembrava lei la scrittrice, alla fine pensandoci bene ho scelto "I ricordi di una vita" anche perché si tratta proprio di questo.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Bella domanda, probabilmente "Ricordati di sorridere" di Daniele Di Benedetti perchè mi sono immedesimato molto e ritengo che possa aiutare a vivere meglio le persone ricordando l'importanza della vita.
 
6. Ebook o cartaceo?
Io amo il cartaceo, sentire il profumo delle pagine e sfogliarle non ha prezzo, è pura emozione, ma l'Ebook è un ottimo strumento e soprattutto veloce, possono vivere assieme il cartaceo e l'Ebook.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Ho sempre scritto qualcosa, dai tempi delle superiori ma mi sono sempre vergognato, negli ultimi anni ho scritto poco in realtà, quando mi sono lasciato con la mia ex ragazza ho iniziato a scrivere intensamente.
Una notte mentre scrivevo ho capito che le mie emozioni dovevano essere lette,
la vergogna era sparita e al mattino avevo un obbiettivo.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
In realtà ho iniziato a scrivere dopo un amore perso, quando è successo avevo bisogno ti scrivere quello che provavo, è stata una specie di terapia, con giorni positivi e altri molto depressi.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
È una emozione priva di parole, ti senti orgoglioso, ma non tanto del nome sulla copertina, quello è una figata!!! ma perché altre persone leggeranno i tuoi pensieri, le tue emozioni e dove tu avrai pianto, dopo una poesia scritta, altre persone si potranno immedesimare e piangere o dopo una poesia ironica potranno sorridere pensando è successo anche a me!
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
È stata mia madre, lei mi ha sempre sostenuto da quando ho deciso di fare lo scrittore.
Ti voglio bene mamma!
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Con la vita frenetica che abbiamo possiamo ascoltare un libro stando in macchina,
la cosa bella è che anche le persone che non sono appassionate alla lettura possono entrare in questo mondo.
Personalmente l'audiolibro per le poesie è perfetto, molte volte non è facile leggere e basta una poesia, sono nate per essere esposte e interpretate.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)