Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

13 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Patrizia Merigiola

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nata e cresciuta?
Sono nata e cresciuta a Terni, dove attualmente vivo.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
"IL GIOVANE HOLDEN" di Jerome David Salinger. Un romanzo dove vengono trattati argomenti come la solitudine, l'ipocrisia, il cinismo e la difficoltà di affrontare il mondo. Holden vive un passaggio di formazione dall'adolescenza all'età adulta. Forse inconsapevole della propria condizione interiore.
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
L'eBook è indubbiamente uno strumento utile, facilmente consultabile (dico consultabile) perché a mio avviso, c'è differenza tra leggere e consultare.
Ci si può tenere un'intera libreria.
Il cartaceo richiede l'amore per la lettura, tenere tra le mani il libro, sentire il profumo inconfondibile delle pagine stampate è come entrare nelle stesse righe e prenderne parte attiva.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Un amore incondizionato, generato da una predisposizione all'introspezione.
Un modo di "fotografare" le sensazioni, particolari momenti dell'animo e liberare la fantasia. Un mondo parallelo dove si cresce, si vive e si pensa spaziando nell'inconscio, esplorando la nostra psiche.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
È una raccolta di brevi racconti, scritti in diversi momenti della vita. Passaggi di realtà diversificate tra loro ma con lo stesso luogo comune: stupore, angoscia, rancore, introspezione, delusioni e conquiste.
Un piccolo serbatoio di contenuti oscuri della nostra personalità, come citava C.G. Jung, definendola l'OMBRA.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Che ogni cosa non è mai come potrebbe sembrare. Le nostre azioni sono spinte spesso da una psiche inconscia che ha una particolare forza da noi ignorata.
Lo spazio mentale dell'uomo nella sua complessità, si scontra o incontra con il lato conscio da quello inconscio, generato da fattori a noi sconosciuti o dimenticati nell'ombra del nostro trascorso.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Essendo da sempre stata una assidua lettrice di vari generi di letteratura, fantasticavo storie, osservando le abitudini, i comportamenti e le vicissitudini delle persone che conoscevo.
Da questa osservazione ho catturato i loro perché, motivazioni e ragionamenti che, visti dall'esterno parevano ben diversi e inspiegabili. Perciò ho voluto portare in evidenza che sotto ogni azione c'è una logica, seppur a noi sconosciuta e ritenuta folle, che invece è motivo di azioni e comportamenti assurdi.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Il momento in cui, ritrovandomi tra le mani questi scritti, ho pensato di condividerli con altri che, magari, hanno la mia stessa curiosità per certi argomenti, che portano molto sulla riflessione del nostro "IO".
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
No, perché durante la scrittura di questi testi mi sono ritrovata a pensare alle molteplici sensazioni che ci portiamo dentro, senza saperlo. É stato un ritrovarmi con le mie fantasie, che poi hanno tutte un fondo di verità. Ho viaggiato nelle menti dei personaggi e ho imparato anche a conoscermi meglio.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Edgar Allan Poe.
Un autore sfortunato e di talento. I suoi racconti del terrore hanno posto le basi per la letteratura horror novecentesca.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
L'audiolibro è senz'altro un modo innovativo per leggere un libro ascoltandolo.
Utile anche per coloro che non avendo tempo di sedersi qualche ora in una comoda poltrona per leggere, possono comunque ascoltare durante un viaggio in auto, o perché no... anche in casa mentre sono occupati in altre faccende.
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 13 Novembre 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)