Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

09 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Luca Nava

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
É un momento importante del proprio percorso di studio, approfondimento delle tematiche che ho scelto.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Il testo è un romanzo storico ambientato nella metà dell'Ottocento, che riprende i temi del Risorgimento e del dibattito sull'unità d'Italia. Scritto da un autore cattolico, rimarca l'esigenza di non dimenticare le radici cristiane nel processo di unità politica.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Ha significato scoprire un autore oggi poco valorizzato, ma che in passato ha svolto un ruolo di primo piano nella cultura cattolica italiana.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
Non è stata immediata perché si tratta di un autore oggi quasi dimenticato, ma che propone comunque dei contenuti ancora oggi validi e interessanti, nonché piuttosto originali.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
É il testo narrativo di Giuseppe Rovani 'Cent'anni', che sto quest'anno studiando in maniera approfondita. Si sta rivelando un'opera letterario-storica di ampio respiro che cattura la mia curiosità. Tante le notizie che ho imparato, per esempio, ho finalmente scoperto quale è l'ente più ricco della regione Lombardia. Leggendo il romanzo lo si scopre.
 
6. Ebook o cartaceo?
Entrambi sono importanti.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Mi piace scrivere e lo considero parte integrante di un percorso culturale di studio.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Questo autore, Antonio Bresciani, lo conobbi durante la redazione che feci dell'archivio parrocchiale della cura di Parravicino d'Erba. C'è difatti presente l'opera omnia del Bresciani, così ebbi modo di scoprirlo e di apprezzarlo.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
É certamente una bella soddisfazione.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Mentre rispondo sono gli ultimi giorni prima della stampa del libro, penso ai miei amici e parenti che già conoscono il mio stile e a cui ho già anticipato qualche trama.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
É ottima per i libri scritti in lingua inglese come il mio caso.
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)