Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

29 Mar
Vota questo articolo
(2 Voti)

Intervista all'autore - Leonardo Ancona

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Per me scrivere, rappresenta un’evasione dal reale, o meglio, un rifugiarsi nello scrivere, nascondendo tra le righe, parole che nel sociale di oggi, sarebbero fonte di discussioni sterili. Ormai viviamo un tempo che padroneggia ogni forma di vita, la corsa costante verso qualcosa... spesso… senza sapere nemmeno cosa riguardi questo qualcosa, rimane come dire astratto... Bene, nella poesia, questa forma astratta di quel qualcosa che di rincorre, prende anima, si nutre del tempo... rimanendo incisa. Scrivere arricchisce l'anima, non saprei come spiegare. Le emozioni restano molteplici ogni qualvolta, metti giù un accumulo di parole che creano una sorta di sinfonia...


 

2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Nel mio libro "Profondità d'stinti" direi gran parte del mio reale, è rappresentato in questo libro, tra vissuto personalmente, tra il sognare ad occhi aperti e ancora ascoltare lacrime e gioie tra i passanti della nostra vita.


 

3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Quest'opera cosa significa per me? Il maturare, il prendere forma del coraggio di affondare nel mare di genti, spronare la loro capacità d'ascolto... Quest'ultimo siamo tutti capaci di poterlo fare con l'udito... con lo sguardo... ma ascoltare con la sola forza dell'anima, aiuterebbe a vivere meglio. Senza temere, liberi, leggeri... Ricordate da neonati... quante volte ci sono state ripetute le prime parole da imparare... riuscite ancora a ricordare quanto fosse felice la tua anima per aver imparato ad ascoltare l'applauso, o l'emozione della vostra mamma, al primo vostro pronunciare "MAMMA"? La Purezza...


 

4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
La scelta del titolo? Bella domanda... Direi senza fondamenta... come ogni mio pensiero, semplicemente libero, venuto fuori in una conversazione, giocando a fare i poeti tra conoscenti... Si rideva e si scherzava su chi fosse più profondo... chi fosse capace di usare al meglio il proprio istinto… Un gioco di parole che, rileggendo l'opera... possedeva questo, pensieri e parole che nascevano da un io profondo, e istintivamente scarabocchiavano fogli di carta con inchiostro ... Un buttar fuori il profondo dell'istinto...


 

5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Farei una magra figura se vi dicessi che non leggo, forse un po' lo si può leggere tra le mie righe semplici... Mi appassiona sfogliare aforismi... pensieri... chi mi lascia qualcosa di forte, avvolgendo i miei pensieri... Paulo Coelho


 

6. Ebook o cartaceo?
La tecnologia, è qualcosa che ormai ha fatto perdere il contatto con la realtà… sarà per il mio essere di vecchio stampo, ma se devo provare a leggere, quando mi capita, amo assaporare il profumo dell'inchiostro sulla carta, rappresenta il tempo inciso dove con la mente, leggendo, puoi permetterti di volare...


 

7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Avevo abbandonato gli studi dopo la scuola obbligatoria, e lavorando come apprendista artigiano come manovale del legno, iniziai a divertirmi a incidere frasi su spezzoni di legno, era un contemplare le parole tra le nervature di quei tronchi... poi da lì a poco, iniziai a scarabocchiare, è stato più un istinto naturale... Due anni fa poi la prima messa in opera del primo elaborato…


 

8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Questo libro di poesia è nato da una raccolta di pensieri sparsi... non ha un aneddoto che lo rilega... direi che è nato dal momenti in cui ho iniziato a scriverne la prima poesia.


 

9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Non so quali sensazioni ho provato per prima… spesso li vedo come i miei pargoletti... piccole creature capaci di donare emozioni...


 

10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Il mio professore di lettere...


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Per me che non amo leggere a causa delle difficoltà visive... e disturbi, la vedo come una frontiera che apre le porte a chi vuole conoscere, vivere ed ascoltare ciò che da solo non riuscirebbe.


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 29 Marzo 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)