Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

24 Gen
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Nicole Ossoli

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Per me scrivere è la capacità di poter viaggiare con la fantasia, lasciarsi trasportare dal flusso di pensieri e di idee che stagnano nella mente; è la possibilità di evadere dalla realtà raccontando le storie di protagonisti che in qualche modo vivono dentro di noi.


 

2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Poco. La mia vita è molto diversa da quella della protagonista; quando ho iniziato a scrivere questo romanzo mi sono ispirata a me stessa poi lentamente il personaggio ha preso forma e mi sono ritrovata a vivere una vita che non mi apparteneva.

La passione per i cavalli, l’amore per i cani e per la città di Firenze fanno parte di me; anche l’appartenenza al segno zodiacale dei pesci e il carattere sensibile mi rendono simile a Sophia, ma il personaggio e le vicissitudini sono frutto della mia fantasia.

 

3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Scrivere mi ha fatto scoprire un aspetto di me che non conoscevo. E’ stato un po’ come guardarsi per la prima volta e osservarsi con occhi diversi; ha risvegliato nuove capacità e mi ha fatta sentire una persona diversa.


 

4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
Inizialmente il titolo scelto era “E se fossi tu”, ma c’era qualcosa che non mi convinceva pienamente e ho deciso di cambiarlo. Nel momento in cui ho optato per “Amore oltre il confine” mi è sembrato perfetto ed esaustivo. Definisce pienamente il contenuto.


 

5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Indubbiamente i romanzi di Dan Brown perché hanno la capacità di tenermi incollata, di catturare la mia attenzione e durante la lettura non riesco a capacitarmi del talento di questo autore. Credo sia semplicemente geniale.


 

6. Ebook o cartaceo?
Decisamente cartaceo; ho un ebook reader ed è indubbiamente utile per risolvere il mio problema “che libro porto in vacanza?” però dopo aver letto un ebook provo un senso di nostalgia e un bisogno naturale di sfogliare delle pagine.


 

7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Non credo ancora di poter parlare di una carriera come scrittrice. Ho trovato da poco il coraggio di rendere pubblico il mio breve romanzo e non mi definisco una scrittrice professionista.


 

8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Questo romanzo è nato per caso; ero in vacanza ed ero sul balcone della casa in montagna con il mio notebook. Ho aperto un foglio bianco in word e ho iniziato a scrivere. Le parole scorrevano nella mia mente e le dita digitavano sulla tastiera.


 

9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
E’ una soddisfazione grandissima. Indipendentemente dalla vendita penso di aver già realizzato il mio sogno: lasciare qualcosa che mi appartiene nel mondo.

Pensare di riuscire a entrare in punta di piedi, e per puro caso, nella vita di qualcuno facendogli provare emozioni attraverso la lettura del mio libro è una sensazione bellissima.

 

10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Un amico che purtroppo non c’è più, che ha letto il mio libro quando avevo smesso di crederci e che non avevo ancora concluso. Colui che si è commosso e che mi ha spronata a finirlo.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Penso sia molto positivo se visto in un’ottica di aiuto verso le persone non vedenti o per coloro che faticano a trovare il tempo per leggere. Spero solo non vengano utilizzati nel modo scorretto andando a sostituire, da ragazzi e studenti, i cari vecchi libri cartacei.

Personalmente la lettura è sempre stata un momento di relax, un lasso di tempo che dedico solo a me stessa, durante il quale cerco di liberare la mente dalla frenesia che occupa la mia testa quotidianamente. E’ un modo per staccare la spina, un’occasione per trovare la pace e non credo che un audiolibro possa restituirmi le stesse sensazioni.

 

 

 

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)