Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Alessio Di Meco

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Mettendo in evidenza che "scrivere" è stata la mia ancora di salvezza, per quello che il destino mi ha riservato, ammetto di essermi, giorno dopo giorno, incarnato in questa attività che ogni volta mi procura piacere. Piacere di relazionarmi con me stesso, far vivere agli altri il mio pensiero e navigare tra i "satelliti" della fantasia che mi estrania dal reale senza condurmi definitivamente in un luogo senza ritorno.


 

2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Abbastanza, anche se non direttamente. In un paio di racconti ci sono vicissitudini dirette di amici che hanno avuto il coraggio e, per me, la lusinga, di mettermi al corrente di intimità che, spesso, rimangono nelle segrete stanze di un pudore che si rivela negativo.


 

3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Ci sono significati diversi e comuni. La partecipazione di emozioni di altri; la condivisione di elementi di riscatto; la consapevolezza che l'amore senza rispetto è un fuoco fatuo.


 

4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
E' stato semplice. Una volta formato il libro con sette racconti con lo stesso sfondo: "l'amore", il titolo è venuto da se.


 

5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
ORIGIN di Dan Brown, perché non ancora lo leggo. Come scrittore ammiro molto, per la sapienza dello scrivere "semplice" a tal punto da coinvolgermi nell'opera: Wilbur Smith e, per la facoltà di saper esprimere le "note fruttate" della sua terra: Andrea Camilleri.


 

6. Ebook o cartaceo?
Entrambi. Sono tradizionalista ma non rifuggo il progresso. L'odore della carta e della stampa rimane tanto inebriante che non riesco ad immaginare altro. Ma, nello stesso tempo, sapere che altre forme di cultura ne possano ampliare la fruizione, mi rende piacevolmente consenziente.


 

7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Non l'ho mai deciso. Alla veneranda età di 54 anni e senza velleità alcuna, ho cominciato a scrivere a mio figlio Marcello (17 anni) partito per il luogo del non ritorno. Un vero amico è venuto a conoscenza di questa attività di sfogo e mi ha fatto pubblicare il primo libro (L'Azzurro del cuore). Da allora, non ho mai smesso.


 

8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Avevo già un paio di racconti che dormivano nel pc. Ai tempi del terremoto dell'Aquila del 2009, mi venne in mente di raccontare una storia su due coniugi sotto le macerie (Le ali spezzate). In contemporanea un amico mi raccontava di aver ritrovato, in quel luogo di macerie, una ragazzina (oggi madre) conosciuta nelle sue peripezie d'oltre oceano per un'adozione che, poi, ha realizzato con un'altra bimba (Maryluz). Ne ho scritto altri per formare un congruo numero di pagine ed il libro ha visto la luce.


 

9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Non conosco il piacere di una donna che vede crescere il suo ventre perché in grembo ha una sua creatura, quindi non posso essere esaustivo, ma penso che si avvicini molto a quelle sensazioni.


 

10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Un amico professore di lettere, al quale affido (scocciandolo) le mie creazioni, il quale, con molto garbo, mi invoglia o dissuade.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
E' una "innovazione" che verrà accolta con il favore della cultura tutta. Una nuova spinta verso una istruzione più consona con i tempi e più fruibile, a parte che si mantenga inalterata la possibilità di leggere, favorendo una scelta e non eliminando l'una a favore dell'altro, in quanto il leggere ed interpretare con propri sentimenti e personali collocazioni interiori, non possono essere né sostituiti né "iniettati" da terzi.


 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

 

Venerdì, 05 Gennaio 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)