Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Ago
Vota questo articolo
(19 Voti)

Intervista all'autore - Rossella Dettori

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Sono nata e cresciuta in Sardegna, una terra lambita dal mare e solcata dal vento, che ancora sa mostrarsi, in non pochi suoi tratti, selvaggia e magnifica.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

Non ho dubbi: "Un sacchetto di biglie", di Joseph Joffo! È un romanzo di formazione, una meravigliosa avventura nei cupi meandri della Seconda Guerra Mondiale, vissuta da due fratelli.



3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Non vedo vincitori e vinti, se si tratta sempre di creatività e cultura.



4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

Fu senz'altro un colpo di fulmine a tre quattro anni, quando chiesi a mia madre di insegnarmi a leggere. Dovetti essere molto colpita da quegli strani, magici segni sulla carta. La scrittura come esercizio seguì di poco. Forse più ponderatamente, in seguito ad un'esperienza dolorosa, composi la prima poesia a nove anni.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

Una forte ispirazione, dovuta ad emozioni multiformi che avevano necessità di parlare attraverso di me. Raccogliere i testi è stato compiere un dovere nei confronti di me stessa.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

Imparare un viscerale amore per la Vita, sulla propria pelle.



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Credo, se ben ricordo, di non aver mai veramente voluto fare (o meglio essere) nient'altro che un'autrice. Ma le difficoltà materiali sono davvero tante, e professionalmente ho necessità di guardarmi attorno, malgrado il primo sogno rimanga sempre tale.



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

Ricordo, malgrado tutto con piacere, una mia magra figura ad un Poetry Slam: non fui un granché nella mia declamazione al microfono. Ma questo mi rese più determinata.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

No, tutt'al più posso aver pensato contemporaneamente a progetti paralleli.



10. Il suo autore del passato preferito?

Sono legatissima ad Elio Vittorini, per come intese la scrittura: non necessariamente intrecciare trame molto elaborate, ma piuttosto dare vita ad una storia indimenticabile, infondendole ogni fibra del suo essere (vissuto, valori, ideali, perseguimento dell'Amore come riscatto).



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Ho sempre amato ascoltare delle storie narrate a voce. È davvero un'ottima nuova frontiera.

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 17 Agosto 2017 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)