Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

12 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Raoul Bruschini

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Liberare l'anima. Rimanere fedeli a quanto ci ha lasciato scritto Jean Guitton:"Non mi interessa avere delle opinioni, tutti ne hanno. Un'opinione è alla portata di tutti. Avere delle idee, ecco quello che è difficile e dunque raro."



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Un romanzo, sia pur breve, è sempre un po' autobiografico. In tutti i personaggi del mio racconto c'è molto del sottoscritto. In Edgardo, in Markus, in Gilberto, in Ivan e perfino in Brigit (dal lato psicologico).



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Non sono più giovane. Da tempo sentivo l'impulso per la narrazione e quando ho smesso di lavorare ho finalmente trovato il tempo per la scrittura. E' stato il classico "sogno nel cassetto".



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

La scelta del titolo "WAGNERIANA" è stato immediato. Sta a significare che tutto ruota spiritualmente attorno alla possente musica di Wagner, così densa di riferimenti ormai perduti in questi insignificanti e acidi tempi odierni.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

I fratelli Karamazov di Dostojevskij. La grandezza di questo romanzo, penso sia difficilmente eguagliabile. Anche se l'ho letto già due volte, credo ci sia sempre da imparare e meditare.



6. E-book o cartaceo?

Non sono particolarmente ferrato in elettronica, però il piacere di leggere un libro per me lo dà soltanto lo stampato, e sentire il profumo della carta.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Non credo di avere intrapreso la carriera di scrittore. Forse è tardi.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Volevo esprimere il disgusto che si prova nel raffrontare la vita dei nostri genitori o nonni, con quella della mia generazione, o peggio ancora con quella seguente. La non consapevolezza del recente passato, sprofonda l'attuale società in un vuoto esistenziale che ha poco di umano. Il personaggio di Gilberto è vissuto realmente e per noi giovani di allora ( e per chi avesse voluto ascoltarlo) è stato una rivelazione.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Emozione e adrenalina.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Mia moglie Franca.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Ripeto quanto scritto al punto 6.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)